Territorio
0

Pasqua da tutto esaurito sul lago di Garda

Pasqua da tutto esaurito sul lago di Garda

LAGO DI GARDA – Boom di presenze sul Garda per le vacanze di Pasqua. Si parla addirittura di un 10% in più rispetto al 2016. Solita nota stonata: strade inadeguate al traffico di oggi.

Giovane, europeo, sportivo, gourmet. È l’identikit del nuovo turista gardesano. Dimenticate il vecchio stereotipo del villeggiante tipo: tedesco, di mezza età, con sandali e calzoni corti, che s’accontenta di una pasta scotta. Oggi il turista gardesano è cambiato. Lo dicono i dati relativi alla prima grande invasione vacanziera dell’anno, che tradizionalmente coincide con la settimana di Pasqua.

Una Pasqua all’insegna del sold-out lungo la riviera bresciana. «Si annuncia il tutto esaurito. La stima è di un 10% di presenze in più rispetto al 2016», dice Marco Girardi, direttore del Consorzio Garda Lombardia (www.gardalombardia.it), realtà che rappresenta un territorio che vanta 1.147 strutture ricettive (414 alberghi e 733 esercizi extralberghieri), per un totale di 72.610 posti letto (24.601 alberghieri e 48.009 extralberghieri, tra b&b, campeggi, case vacanza).

«La Pasqua “alta”, arrivata a primavera inoltrata, quando la maggior parte delle persone ha ormai abbandonato gli sci ed ha tirato fuori le scarpe da trekking e le mountain bike, ci ha favorito», commenta Girardi, che registra un boom di richieste per il soggiorno outdoor: «Bike e trekking sono i temi vacanza che “tirano” di più e che portano sul lago un turismo attivo, sempre più giovane».

Altro tema vacanza sempre più gettonato è quello dell’enogastronomia. E anche in questo campo il Garda può vantare, tra vini ed extravergini prelibati, pesci ed agrumi, un’offerta di qualità.

C’è un altro fattore che probabilmente caratterizzerà la stagione 2017: «Si nota una grande diversificazione – conclude Marco Girardi – delle nazioni di provenienza dei turisti. Certo, il mercato più importante si conferma la Germania, ma crescono le presenze della Francia, dal Belgio, dai Pesi Bassi e dai Paesi dell’Est europeo, come Polonia e Repubblica Ceca. Anche gli italiani stanno riscoprendo in massa il fascino del nostro lago». Le ragioni sono molteplici. Vanno individuate nell’azione promozionale attuata da Garda Lombardia, ma anche, ovviamente, in una situazione internazionale che spinge tanti vacanzieri europei a scegliere mete a portata di… automobile, evitando viaggi aerei e destinazioni percepite come poco sicure.

Tra le novità si segnala, infine, l’imminente apertura del nuovo info point della riviera bresciana, allestito da Garda Lombardia presso l’ex Casinò di Gardone Riviera. Sarà anche il primo info point nautico del Garda, dedicato al diportista.

Unica nota stonata: la viabilità. Spostarsi in riva al lago in questi giorni è una vera… Via Crucis.

Turisti su una motonave della Navigarda. In questi giorni ci si muove decisamente meglio in battello!

Turisti su una motonave della Navigarda. In questi giorni ci si muove decisamente meglio in battello!

Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • rss
  • mail

Scritto da: redazione GardaPost