Agenda
0

Bardolino città d’arte e degli artisti

Bardolino città d’arte e degli artisti

BARDOLINO – Dal 21 aprile al 1° maggio la Sala della Disciplina ospiterà le opere di 40 artisti bardolinesi. Una mostra ad ingresso libero.

Il blu sfumato del lago di Garda dipinto su tela, il verde degli olivi, il bianco e nero di una foto d’epoca, il bronzo e il legno che danno forma a opere uniche e particolari.

Tutto questo torna nella Sala della Disciplina a Bardolino, dal 21 aprile al 1° maggio, nella mostra “Artisti Bardolinesi”, appuntamento ormai entrato stabilmente nell’agenda dei visitatori della sponda veronese del lago di Garda.

40 artisti che hanno vissuto, vivono o frequentano abitualmente Bardolino esporranno le loro opere nello spazio adiacente la Chiesa di San Severo, spazio ad ingresso libero che sarà aperto tutti i giorni dalle 11 alle 13 e dalle 16 alle 20, tranne i giorni 26, 27 e 28 aprile che seguiranno l’orario pomeridiano.

«Il nostro obiettivo è quello di favorire la promozione della cultura e di farlo potendo anche sfruttare la vivacità turistica del nostro territorio – ha commentato Marta Ferrari, assessore alla cultura –. Bardolino è da sempre patria di artisti e personalità con uno spiccato senso artistico, quindi riuscire ogni anno a riunirli non è solo un motivo d’orgoglio per noi, ma anche un’opportunità per dimostrare quanto importante sia favorire la visibilità di artisti che troppo spesso vengono definiti “minori”, ma che tali non sono».

Nella Sala della Disciplina troverà spazio non solo la pittura: «L’esposizione prevede anche una parte dedicata alla fotografia e una alla scultura – ha proseguito Marta Ferrari –, senza dimenticare le opere di ingegno create dai nostri artigiani con il legno o altri materiali». La mostra “Artisti Bardolinesi”, curata da Fondazione Bardolino Top (www.bardolinotop.it) in collaborazione con Emilio Zorzi,  verrà inaugurata ufficialmente venerdì 21 aprile alle 11 alla presenza delle autorità cittadine.

Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • rss
  • mail

Scritto da: redazione GardaPost