Territorio
0

Raccolta tartufi in Lombardia, il calendario 2017-2018

Raccolta tartufi in Lombardia, il calendario 2017-2018

LOMBARDIA – Approvato il calendario per la raccolta tartufi nella stagione 2017-2018 in Lombardia. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Il calendario definisce i tempi e luoghi per ogni specie di cui è autorizzato il prelievo nel periodo 2017/2018. È confermato il calendario dell’anno precedente per tutto il territorio regionale.

Si ricordano le principali regole vigenti in Lombardia per la raccolta dei tartufi: per raccogliere i tartufi è necessario possedere un tesserino di idoneità, rilasciato dalle province alla fine di uno specifico percorso formativo; nei periodi di apertura del calendario, la raccolta dei tartufi commestibili maturi può essere effettuata nell’arco delle 24 ore giornaliere; il quantitativo di tartufi di cui è concessa la raccolta non può superare il peso di 1 (un) chilogrammo al giorno per persona, fatta salva la raccolta di un unico esemplare di peso superiore.

Calendario_tartufi_2017_-2018_burl_14_del_3_aprile_20173

Ma il rispetto dovuto delle norme non basta ancora. Le stazioni produttive sono il risultato incredibile di tantissimi fattori biologici e climatici che nessuna normativa o circolare burocratica può inquadrare in modo esaustivo e con l’efficacia che vorremmo. Serve l’esperienza e la sensibilità di ogni raccoglitore che non solo rispetti la normativa ma si limiti alla raccolta dei corpi fruttiferi pienamente maturi e limiti al minimo indispensabile la movimentazione del terreno per l’estrazione del carpoforo.

I corpi fruttiferi immaturi non hanno profumo da noi percepibile e quindi non han alcun particolare sapore ma la richiesta di mercato è tale da assorbire anche questi funghi i quali purtroppo sono comunque individuabili dai cani particolarmente specializzati.

Per saperne di più è possibile consultare il Manuale del ricercatore di tartufi.

tartufo

Tartufi neri del Garda.

Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • rss
  • mail

Scritto da: redazione GardaPost