Cronaca
0

Al ristorante col machete: vi uccido tutti!

Al ristorante col machete: vi uccido tutti!

DESENZANO – Minaccia alcuni clienti di un ristorante impugnando e brandendo un machete. Indagato cittadino algerino di anni 49 dopo essere stato immobilizzato dagli agenti del Commissariato di Polizia.

Il  Commissariato di Pubblica Sicurezza di Desenzano del Garda ha indagato in stato di libertà un cittadino algerino di anni 49, irregolare in Italia, per i reati di minaccia aggravata, porto di oggetto atto ad offendere e inottemperanza all’Ordine del Questore di lasciare il territorio nazionale.

Tutto si è svolto venerdì sera, attorno alle 23, quando sulla linea d’emergenza del Commissariato desenzanese sono giunte una serie di telefonate che segnalavano la presenza, all’esterno di un ristorante in località San Martino, di un soggetto armato di machete che minacciava alcuni avventori: “Vi taglio la testa e le gambe, vi uccido!

Gli agenti giunti sul posto notavano nel parcheggio del locale un uomo che, alterato, urlava ed inveiva verso diversi clienti ed alla vista degli agenti stessi si sbarazzava di un machete.

Immediatamente immobilizzato, l’uomo è stato accompagnato in Commissariato e l’arma recuperata e sequestrata.

Dalle indagini svolte è emerso che l’uomo, in evidente stato di abbrezza, aveva avuto poco prima all’interno del ristorante un diverbio con avventori e per questa ragione era stato allontanato; uscito dal locale si era munito dell’arma e aveva iniziato a minacciare le persone che in quel momento cercavano di raggiugere il parcheggio.

Solo in tempestivo arrivo della volante ha impedito conseguenze ben più gravi.

L’uomo, in Italia senza fissa dimora, irregolare, con precedenti per reati contro la persona e il patrimonio, era colpito da provvedimento di espulsione e da ordine del Questore di Brescia di lasciare il territorio nazionale.

Il machete sequestrato dagli agenti del Commissariato di Desenzano.

Il machete sequestrato dagli agenti del Commissariato di Desenzano.

Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • rss
  • mail

Scritto da: redazione GardaPost