News dai comuni
0

Anpi: e basta con ‘sto Bigio a Salò!

Anpi: e basta con ‘sto Bigio a Salò!

SALÒ – Riceviamo e pubblichiamo un comunicato della sezione salodiana dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia sulla proposta di portare il Bigio a Salò.

Le polemiche sul Bigio si sono riaccese anche a Salò dopo la recente richiesta che il direttore di MuSa, Giordano Bruno Guerri, ha rivolto al Comune di Brescia, affinchè conceda in prestito alla cittadina gardesana la statua del Dazzi (leggi qui).

Ecco quanto scrive, in proposito, il presidente della sezione Anpi “I. Nicoletto “ di Salò, Paolo Canipari.

«Leggo sulla stampa locale :  toh… adesso ci si mettono anche i “grillini“ del M5S a soffiare sull’impudica questione del “Bigio “ (che poi si chiama “Era fascista”). Il  Bigio a Salò! Ma non avete altro a cui pensare che a rimestare nel brodaccio, di fascista cucina, che pensare a sposare una così provocatoria (non per i “presunti“ attributi, ma per ciò che rappresenta di storicamente tragico) proposta ormai caldeggiata da anni, da figure e movimenti di basso livello storico e culturale.

Non basta la precisa, puntuale e secca risposta data anche ultimamente dal sindaco di Brescia, Del Bono (leggi qui, ndr)?

A Salò ne abbiamo abbastanza di “smemorati  storici “ alla Guerri, che inaugura e fa terminare la mostra “Il culto del duce“, proprio nella data tragica del  “28 maggio“, bomba fascista e… altro – dove  trovò la morte il nostro concittadino, Vittorio Zambarda?

E, inoltre, “l’ugola d’oro” Vittorio Sgarbi, che “integra” la pur interessante iniziativa del “Museo della follia“, con una incomprensibile – da lui definita “cagata” – opera di Hitler.

Poveri Ligabue o Alda Merini. Se Hitler vi avesse conosciuto o foste stati a lui contemporanei… subito nel campo di sterminio di Dachau – primo aspetto concentrazionario, dopo i politici, realizzato per eliminare  i cosiddetti “folli“.

Vogliamo creare un “turismo nostalgico“ per attirare gente?

Ma Salò è ed è stata altro: è stata capitale della Magnifica Patria, ha un patrimonio storico legato all’Ateneo, invidiato da tutti gli studiosi di storia, ha associazioni come l’Asar, gli Amici dell’Arte, la Mutuo Soccorso, la Civica raccolta del Disegno, l’Estate Musicale… e  via via proponendo.

Salò, e questo serve per tutti i novelli nostalgici del Bigio (o “Picio“ che dir si voglia) fu sede, nel periodo della Rsi, solo di alcuni ministeri, ma anche di centinaia di militari, milizie, avventurieri, e via dicendo, che sicuramente contribuirono alla uccisione e alle sevizie di decine e decine di cittadini, dall’Alto Garda alla Vallesabbia.

Solamente  Salò, direttamente o indirettamente, annovera tragicamente 15+7 caduti per colpa del fascismo degli ultimi anni.

Più volte, l’Anpi ha rivolto, alle ultime Amministrazioni comunali o agli Istituti delle Scuole Superiori,  progetti per “Educare alla Pace” con altre realtà italiane o straniere. Inascoltati!!!

Ecco quale è la nostra proposta per Salò: farla diventare un momento di incontro fra nuove generazioni, che in un momento così difficile a diversi livelli della crisi dello “stato sociale“, non cadano nell’atroce baratro del fascismo e del nazismo (come accadde nel ventennio e fino alla loro sconfitta , bellica ma non ideologica),

Incontro di esperienze e di diverse culture, quindi, a partire dalla conoscenza di cosa fu l’infamia del fascismo, dei lutti che provocò non solo in Italia ma anche in gran parte dell’Europa,  per rilanciare, come allora – dopo la fine della guerra – le prospettive di “Pace, lavoro e libertà “, così care ai partigiani e alla gente “per bene“ di allora. E ora, finalmente, abbiamo una Costituzione antifascista.

Spero, quindi, cari amici “grillini“ che la vostra posizione sia dettata da improvvida inesperienza politica: però con il fascismo non si scherza e sappiamo che i continui e stonati “canti  delle sirene” si annidano altrove.

Il Bigio, vi ricordo ancora, era “fascista“. Oggi, ora e sempre Resistenza».

Firmato il presidente della sezione Anpi “I. Nicoletto “ di Salò, Paolo  Canipari.

Foto sopra tratta da www.ilbigio.it.

Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • rss
  • mail

Scritto da: redazione GardaPost