Cronaca
0

Lacci che uccidono indiscriminatamente

Lacci che uccidono indiscriminatamente

ALTO GARDA – Trappole vietate utilizzate per la cattura di ungulati, ma questa volta a rimanere intrappolato ed a morire in maniera lenta e atroce è stato un cagnolino meticcio.

Lo rende noto la Polizia provinciale di Brescia. Il fatto è accaduto nella zona dell’Alto Garda, purtroppo non nuovo a queste “cattive” pratiche di bracconaggio da condannare senza esitazione.

«Quando la smetteranno – scrive la Polizia Provinciale sulla sua pagina Facebook – sarà sempre troppo tardi».

Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • rss
  • mail

Scritto da: redazione GardaPost