Agenda
0

Una passeggiata serale sulle tracce del bandito Zanzanù

Una passeggiata serale sulle tracce del bandito Zanzanù

TIGNALE – Sabato potrete ripercorrere i sentieri battuti dal brigante nella sua ultima incursione e scoprire il luogo esatto in cui Zanzanù venne ucciso.

La passeggiata, in programma sabato 14 ottobre con partenza alle 17 da Gardola, apre il calendario di iniziative programmate a Tignale per i 400 anni dalla morte del “bandito del lago”, braccato e giustiziato dalla gente del posto il 17 agosto 1617.

Il tracciato del percorso percorre i sentieri dipinti nel maestoso ex-voto raffigurante l’uccisione del bandito (foto sopra), che nel 1618 la comunità di Tignale commissionò al pittore Andrea Bertanza. Preciso e oltremodo dettagliato, il dipinto, ora conservato nel santuario tignalese di Montecastello, ha rappresentato, assieme alle indicazioni tratte dalle pluriennali ricerche condotte dal prof. Claudio Povolo dell’Università Ca’ Foscari di Venezia sulla figura storica del bandito Zanzanù, una fonte preziosa per l’individuazione di luoghi e momenti della furiosa battaglia del 17 agosto 1617.

All’opera di Bertanza si deve, soprattutto, l’individuazione del luogo esatto della morte del bandito Zanzanù, suggestiva tappa principale della passeggiata in programma sabato.

Durante l’escursione – agevole e adatta a tutti – interverrà Giovanni Florio, regista della Compagnia L’Archibugio e autore di un ciclo di spettacoli sul fuorilegge gardesano.

Al termine, aperitivo nel bosco per tutti i partecipanti. La partecipazione all’evento, promosso nell’ambito della giornata del Touring Club «Aggiungi un borgo a Tavola», è gratuita, ma è necessario iscriversi entro le 12 di giovedì 12 (tel. 0365.73354). Poi basterà farsi trovare, sabato alle 17, nel piazzale Delle Ginestre con scarponcini da trekking e una torcia elettrica.

Nel corso delle prossime settimane saranno proposte altre iniziative dedicate alla figura di Giovanni Beatrice detto Zanzanù (1576-1617), personaggio affascinante e controverso, uno dei più tenaci e longevi banditi del ‘600 europeo, capace di tenere testa alle Repubblica di Venezia per oltre 15 anni.

Sono in programma un laboratorio per bambini domenica 15 alle 14 all’oleificio di Tignale (info qui). Poi ancora, dal 16 al 28 ottobre, il convegno «Banditismo in Europa tra Medioevo ed età contemporanea».

santuario montecastello

Il santuario di Montecastello, a Tignale.

Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • rss
  • mail

Scritto da: redazione GardaPost