enogastronomia
0

I maestri dello spiedo bresciano si sfidano a Toscolano

I maestri dello spiedo bresciano si sfidano a Toscolano

TOSCOLANO MADERNO – Domenica 22 ottobre la Pro Loco organizza una gara di spiedo aperta a tutti. Preparate lo spiedo a regola d’arte? Iscrivetevi. 

Si tratta della seconda edizione della gara gastronomica che ha per protagonista il piatto principe del territorio bresciano: lo spiedo, un trionfo di carni (in particolare carne da cacciagione e di animali da cortile), irrorate con burro di malga e cotte su braci di legna per almeno 4 ore.

Ogni famiglia ha una ricetta, spesso tramandata di generazione in generazione per decenni. Potrete confrontare la vostra con quella di altri maestri dello spiedo domenica a Toscolano, in occasione della “Gara dello Spiedo Bresciano“, che avrà luogo presso il Pattinodromo, in via Statale, dalle 7.30 alle 13.

L’iscrizione è gratuita e deve essere effettuata entro sabato 21 ottobre. In palio un premio da 300 euro per il primo classificato, da 200 per il secondo e da 100 per il terzo.

Potete consultare il regolamento della gara sul sito della Pro Loco, a questo link.

Al termine della cottura degli spiedi in gara, alle ore 13.15, verrà aperto al pubblico lo stand gastronomico; considerata la grande richiesta, è necessario prenotare entro venerdì 20 ottobre: costo di una portata di spiedo 12 euro, bevande escluse.

La ricetta De.Co dello spiedo bresciano

Nel marzo 2011 è stata riconosciuta la tipicità della ricetta a Denominazione Comunale di questa preparazione tradizionale bresciana, legata ai paesi di Serle (nella bassa Valle Sabbia) e Gussago (in Franciacorta), che è così stata riconosciuta in modo ufficiale.

La ricetta di Serle e Gussago si ispira al modo più tradizionale di fare lo spiedo bresciano per tipi di carne, pezzatura, presenza di uccelli e tipologia di legna utilizzata per la carbonella. Potete consultarla a questo link: www.ilverospiedo.it/spiedo-bresciano-ricetta.

Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • rss
  • mail

Scritto da: redazione GardaPost