Territorio
0

Nasce un alpaca in diretta, il video dal parto a quando si alza

Nasce un alpaca in diretta, il video dal parto a quando si alza

BUSSOLENGO – Ancora una femminuccia per il gruppo di alpaca che vive al Parco Natura Viva di Bussolengo: è nata sotto gli occhi del pubblico. Ecco il video.

Si tratta della seconda piccola nata quest’anno al Parco Natura Viva (www.parconaturaviva.it), con un parto che ha tenuto con il fiato sospeso visitatori e staff.

La piccola sta bene, si è alzata in piedi poco dopo essere venuta alla luce e ha iniziato subito a succhiare il latte della sua mamma. La sua lana porta un colore misto, bianco e marrone: una bella combinazione tra la tinta unita di mamma e quella di papà. Ad indagare su cosa stesse accadendo è arrivata subito sua sorella, più grande di appena due settimane, curiosa della neonata fino al punto di farsi cacciare via dagli adulti.

“Lasciamo sempre che i nostri animali vivano questi momenti con le proprie forze, monitorandoli ed intervenendo se necessario”, spiega Camillo Sandri, veterinario e direttore tecnico del Parco Natura Viva. “Questo consente a tutto il gruppo di manifestare i propri comportamenti tipici, senza disturbi da parte dell’uomo. In questo caso mamma alpaca è una primipara e se l’è cavata benissimo: ha instaurato subito un legame molto stretto con la piccola, leccandola e stimolandola ad alzarsi il prima possibile”.

Ventiquattro ore dopo la nascita, a nulla sono valse le ramaglie di nocciolo e roverella messe a disposizione degli animali per lasciare tranquille mamma e piccola: l’alpachina già scorrazzava in lungo e in largo con la sorella, rincorrendosi e stuzzicando gli adulti, d’ora in poi chiamati ad armarsi di molta pazienza nei confronti delle due esuberanti piccole.

L’alpaca è una specie domestica e allevarne gli esemplari per produrre lana di pregio consente di mitigare la caccia illegale che rischia di abbattersi ancora sulla vigogna, una specie che invece vive allo stato selvatico, inserita nella Lista Rossa della IUCN.

Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • rss
  • mail

Scritto da: redazione GardaPost