Agenda
0

Violenza di genere, due film per riflettere a San Felice

Violenza di genere, due film per riflettere a San Felice

SAN FELICE DEL BENACO – In occasione Giornata internazionale contro la violenza di genere, a San Felice due appuntamenti cinematografici di presa coscienza, confronto e dialogo.

Il mini-ciclo è organizzato dall’Assessorato alle pari opportunità del Comune in collaborazione con il FilmFestival del Garda.

Primo appuntamento venerdì 17 novembre con la proiezione del film “Un altro me” di Claudio Casazza, che sarà presente in sala per introdurre il suo film e dialogare con il pubblico. Alle 20.30 presso la sala consiliare di San Felice del Benaco, Piazza Moniga. Ingresso libero.

Un anno nel carcere di Bollate con un gruppo di “sex offenders” con gli psicologi dell’Unità di Trattamento intensificato del CIPM, primo esperimento in Italia di prevenzione della recidiva per reati sessuali: “Un altro me” avvicina i carcerati con discrezione, conoscendoli poco a poco e mantenendo una sensibile distanza dal loro mondo disturbato, distanza che trova espressione visiva nel permanente “fuori fuoco” che li avvolge e che finisce per diventare un velo protettivo sia per loro che per lo spettatore.

Lo sguardo va però a fondo e si inoltra all’interno di colloqui di gruppo, laboratori creativi e testimonianze singole, fino alle riunioni a porte chiuse degli psicologi: si scoprono le premesse profonde che hanno mosso le azioni di questi uomini, la narrazione interna che li ha sostenuti e giustificati, gli alibi culturali che hanno permesso loro di esercitare la violenza.”

Secondo appuntamento venerdì 24 novembre con la proiezione del film “Il segreto di Esma” di Jasmila Zbanic (2006). Vincitore Orso d’Oro miglior film al Festival di Berlino. (Balcani: violenza di genere, tra guerra e pace). Introduce: Agostino Zanotti, presidente dell’Associazione “Ambasciata della democrazia locale a Zavidovici”. Appuntamento alle ore 20.30 presso la Sala Consiliare di San Felice del Benaco. Ingresso libero.

Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • rss
  • mail

Scritto da: redazione GardaPost