Le super ametiste del giardino Heller

0

GARDONE RIVIERA – Sono state collocate giovedì 29 gennaio, nel giardino botanico gardonese, le due preziose ametiste giganti, esemplari unici al mondo.

La collezione d’arte del giardino botanico Heller, creato dal medico Arthur Hruska agli inizi del Novecento, cresce di anno un anno, insieme ai suoi fiori ed alle sue piante.

Ora questa raccolta è impreziosita da due ametiste giganti estratte da una cava in Uruguay, alte 4 metri e pesanti 4 tonnellate l’una.

L’ametista è una varietà violacea di quarzo, spesso associata a rocce basaltiche subalcaline, che è stata sin dal 3000 a.C., in Egitto e in Mesopotamia, una delle gemme più utilizzate per la creazione di gioielli, sigilli e intagli (leggi qui per saperne di più).

Portate a Gardone dall’Austria a bordo di un tir, giovedì le ametiste sono state agganciate, tramite un cavo di 90 metri, ad un elicottero russo della ditta svizzera HeliSwiss, l’unica in tutta Europa a possedere un elicottero in grado di effettuare un trasporto simile, che le ha collocate nel parco botanico.

Questi esemplari unici al mondo, sono autentiche opere d’arte naturali, formatesi nel corso di milioni di anni.

che saranno protetti da un sistema di allarme di ultima generazione e da telecamere a raggi infrarossi, si potranno ammirare a partire da sabato 28 febbraio, quando il giardino botanico riaprirà al pubblico per la stagione 2015.

 

ametiste elicottero
L’elicottero utilizzato per il trasporto della ametiste nel giardino botanico.
ametista
Le operazioni di trasporto: l’ametista gigante è agganciata all’elicottero tramite un cavo di 90 metri.
Le ametiste vengono sistemate nel parco botanico della Fondazione Heller.
Le ametiste vengono sistemate nel parco botanico della Fondazione Heller.
ametiste
Saranno visitabili dal 28 febbraio, giorno di apertura del giardino per la stagione 2015.

Lascia una risposta