Osservatorio antiviolenza di Regione Lombardia, il report 2017

LOMBARDIA - Violenza di genere: "La violenza contro le donne in Lombardia – I dati dei centri antiviolenza 2017", la terza edizione del report che analizza i dati sulle donne vittime che si sono rivolte ad uno dei 36 Centri antiviolenza lombardi.

Regione Lombardia in collaborazione con i Centri Antiviolenza ha avviato a partire dal 2014 un progetto sperimentale di raccolta dati relativi alle donne che si rivolgono ai centri antiviolenza sul territorio lombardo. Il frutto di tale sperimentazione ha portato alla stesura del primo rapporto annuale nel 2015 e al perfezionamento di un modello di raccolta e elaborazione dei dati.

Le donne che hanno contattato i centri antiviolenza sono in progressione stabile:

  • 4.317 nel 2015
  • 5.244 nel 2016
  • 5.892 nel 2017

Se da un lato c’è soddisfazione per il significativo incremento delle donne che scelgono di uscire dalla spirale di violenza, appare tristemente evidente quanto sia diffuso questo fenomeno e quanto ci sia ancora da fare in termini di prevenzione.

La Relazione annuale ‘”La violenza contro le donne in Lombardia – I dati dei centri antiviolenza 2017″ giunta alla III edizione, analizza i dati sulle donne vittime di violenza di genere che si sono rivolte ad uno dei 36 Centri antiviolenza abilitati all’inserimento dei dati nel nuovo Sistema Informativo dell’Osservatorio Regionale Antiviolenza – O.R.A. e fanno riferimento ai contatti e ai casi trattati nel corso del 2017.

Scarica qui il rapporto annuale sulla violenza contro le donne in Lombardia 2017.

Info sui centri antiviolenza: www.nonseidasola.regione.lombardia.it

 

 

Ricordiamo che con la Delibera regionale n.6008 del 19 dicembre 2016 “Osservatorio regionale antiviolenza: funzionalità del sistema, soggetti coinvolti e protezione dei dati personali” Regione Lombardia ha messo a sistema tale sperimentazione al fine d’avere uno strumento di indagine sul fenomeno volto a supportare l’azione regionale e a contribuire alla costruzione di un modello di intervento efficace ed efficiente che porterà alla definizione di una reportistica completa annuale e periodica.

Disporre di dati e informazioni aggiornate e puntuali, pur nel rispetto ineludibile dell’anonimato e della privacy delle donne che scelgono di rivolgersi ai centri antiviolenza, è condizione necessaria per poter impostare azioni di governo coerenti di prevenzione e contrasto della violenza sulle donne, un fenomeno ancora fortemente carsico.

Il servizio è accessibile solo ai Centri Antiviolenza e Casa Rifugio operanti all’interno di Reti interistituzionali antiviolenza oggetto di accordi di collaborazione con Regione Lombardia.
I dati in esso contenuti sono anonimizzati e visualizzabili solo in forma aggregata dal personale autorizzato di Regione Lombardia.

 

 

I commenti sono chiusi.