Territorio
0

Il dominio lagodigarda.it a Garda Unico

Il dominio lagodigarda.it a Garda Unico

LAGO DI GARDA – Il dominio internet «lagodigarda.it» passa dalla Comunità del Garda al consorzio di promozione turistica Garda Unico. L’accordo è stato ufficializzato.

L’accordo, sancito dopo lunghi mesi di trattative, è stato ufficializzato da Mariastella Gelmini, presidente della Comunità del Garda, proprietaria del dominio, e Franco Cerini, presidente di Garda Unico, l’agenzia per la promozione e la commercializzazione del lago che riunisce i tre consorzi territoriali di promozione, Garda Lombardia, Garda Trentino e Garda Veneto.

Che il dominio lagodigarda.it fosse particolarmente appetito da chi si occupa di marketing turistico è facilmente comprensibile, dato che appare tra i primissimi risultati sui motori di ricerca quando si cerca “lago di Garda”. D’altro canto la Comunità del Garda, che agli albori della diffusione di internet aveva avuto la lungimiranza di acquisire la proprietà del dominio, non intendeva rinunciarci senza un congruo corrispettivo. Nei giorni scorsi si è raggiunto l’accordo.

«Un accordo difficile – ammette Cerini -, d’altra parte tutte le cose che hanno valore non sono facili da raggiungere». Per poter disporre del dominio, che resterà comunque di proprietà della Comunità del Garda, Garda Unico verserà alla Comunità un corrispettivo una tantum – cifra necessaria per sostenere anche i costi per la rescissione del contratto con la Carboni Adv Srl di Verona, con la quale la Comunità aveva stipulato un contratto decennale, fino al 2023, per la gestione commerciale del portale – e un canone annuo di locazione del sito.

Ora il Consorzio Garda Unico ha a disposizione i due domini più importanti dal punto di vista promozionale, visitagarda.com e appunto lagodigarda.it, che assieme valgono 2 milioni di accessi annui, ma che hanno evidentemente ben altre potenzialità. Non è una cosa da poco se si pensa che il 90% dei viaggiatori oggi sceglie una destinazione dopo essersi informato sul web.

Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • rss
  • mail

Scritto da: redazione GardaPost