Botti? No, grazie! La campagna degli Amici di Paco contro i botti di Capodanno

LAGO DI GARDA - Come ogni anno, il Fondo Amici di Paco, associazione nazionale per la tutela degli animali, mette in guardia contro i pericoli dei botti di fine anno, e lo fa attraverso la “voce” del cagnolino che ha ricevuto il testimone dal compianto Paco.

“Cari amici, anche quest’anno tocca a me appellarmi alla vostra sensibilità per far sì che l’ultimo dell’anno non sia un momento di terrore per tanti cani. Come sapete noi cani siamo dotati di un udito estremamente sensibile, e per molti di noi la notte di Capodanno rappresenta un vero e proprio incubo. Il rumore dei botti ci terrorizza, con conseguenze che possono essere gravissime per la nostra salute fisica o psichica. Mi appello perciò a voi che amate i vostri cani: da quest’anno, rinunciate a sparare i botti”.

L’appello di Tommi è diffuso dal Fondo Amici di Paco che anche quest’anno promuove una campagna di sensibilizzazione contro i botti di Capodanno, che terrorizzano i nostri amici a quattro zampe: “Visto che purtroppo sarà difficile debellare tutta in una volta questa barbara usanza, fate di tutto perché i vostri cani non soffrano per i botti sparati da chi non ci ama: custoditeli in luoghi in cui si sentano protetti e dai quali non possano fuggire per lo spavento, come riescono a fare tanti cani ogni anno la notte del 31 dicembre. A volte scappano così lontano che non ritrovano la via di casa…”

«Da quando vent’anni fa lanciammo per primi questo appello si sono fatti molti progressi, ma c’è ancora molto da fare», osserva Diana Lanciotti che ventun anni fa, insieme al marito, ha fondato l’associazione no-profit intitolandola al cagnolino adottato al canile di Verona, dove conobbe l’amara realtà del randagismo sentendo impellente la voglia di fare qualcosa di concreto per i cani e i gatti meno fortunati di Paco.

«Sono sempre di più i sindaci che emettono ordinanze per vietare l’uso dei botti, e i media dedicano sempre più spazio ai pericoli sia per gli umani che per gli animali. Sparare i botti è qualcosa di totalmente inutile, effimero e anche costoso. Tanto che abbiamo realizzato l’adesivo, richiestissimo, “Botti? No, grazie!”»

 

 

Oltre che fondatrice del Fondo Amici di Paco, Diana Lanciotti è pubblicitaria, giornalista e autrice di 18 libri di grande successo, in buona parte dedicati a storie di animali. Famosa la trilogia di Paco (inaugurata con Paco, il Re della strada, un vero cult per gli amanti degli animali, adottato in molte scuole per i suoi contenuti educativi), che ha fatto conoscere al mondo le tribolazioni di Paco, da lei adottato al canile e diventato testimonial dell’associazione e simbolo di tutti gli animali vittime della crudeltà umana.

 

I commenti sono chiusi.