Il tradizionale concerto di Capodanno al Casinò di Arco

ARCO - Torna l'atteso appuntamento con il concerto di Capodanno del Comune di Arco nel prestigioso salone delle feste del Casinò municipale: martedì primo gennaio a esibirsi sarà l’orchestra «I Musici di Parma» diretta dal giovanissimo ma già noto maestro Aram Khaceh.

Inizio alle 17. Prenotazione con il servizio Primi alla Prima delle Casse Rurali Trentine e online sul sito www.primiallaprima.it, costo del biglietto 10 euro (posto unico).

La presenza del maestro Aram Khaceh è anche un gradito ritorno per il Trentino, dal momento che il giovane direttore ha collaborato in alcune occasioni con realtà musicali del territorio, ed è quindi molto conosciuto anche dal mondo musicale locale.

Il programma presenta una prima parte dedicata alle sinfonie tratte dal repertorio operistico, con musiche di Verdi e Rossini, Mozart e Bizet.

La seconda parte, invece, come da tradizione offrirà un ricco programma di musiche viennesi, quelle della famiglia Strauss, che ripropongono l’atmosfera in cui il salone delle feste del Casinò è nato: quella del tempo del Kurort e della belle époque, fra Ottocento e Novecento.

Il programma

Prima parte:
W. A. Mozart: «Nozze di Figaro», sinfonia
G. Rossini: «Italiana in Algeri», sinfonia
G. Verdi: «Traviata», preludio
G. Rossini: «Il Barbiere di Siviglia», ouverture
G. Bizet: «Carmen», preludio atto I

Seconda parte:
J. Strauss:
«Fruhlingsstimmen»
«Unter donner und blitz»
«Pizzicato polka»
«Wiener blut»
«Tritsch tratsch polka»

I Musici di Parma
Nata nella primavera del 2002 dall’unione di musicisti che collaborano con le più importanti orchestre italiane ed estere, con il duplice intento di riscoprire opere inedite e di divulgare capolavori d’ogni tempo, l’orchestra da camera I «Musici di Parma» affronta, con formazioni sia cameristiche sia sinfoniche, un ampio repertorio che va dal barocco al classicismo, fino alle più belle pagine della musica del Novecento. Una particolare attenzione è dedicata al melodramma italiano e alle più belle arie e romanze dell’opera lirica internazionale.

Aram Khacheh
Nato nel 1997 in Toscana, si dedica da subito agli studi musicali e al violoncello, che prosegue poi con Fernando Scarselli (Conservatorio “Luigi Cherubini”, FI). Studia inoltre violoncello barocco con Jean Marie Quint, composizione con Roberto Becheri e lettura della partitura con Luciano Garosi. Le sue musiche sono state eseguite nella rassegna “Inventarti” (FI, 2014, 2015 e 2016). Come violoncellista partecipa al Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano (2013, 2014); nel 2014 suona le musiche di scena del “Ritorno di Casanova” (Museo del Bargello, Fi, compagnia Lombardi Tiezzi); dal 2014 collabora con il critico d’arte Maurizio Vanni (Show Conferences del Palazzo Pretorio di Certaldo e del Lucca Center of Contemporary Art). Partecipa nel 2015 come violoncellista alla tournée italo-austriaca “Toscana-Salisburgo”, e recentemente alla “Notte della Cultura” nella Pinacoteca Tosio Martinengo di Brescia. Nel 2013 fonda l’Orchestra del Liceo Virgilio di Empoli, che dirigerà fino al 2016. Per la direzione d’orchestra dal 2015 studia a Londra con Peter Fender e dallo stesso anno partecipa alle MasterClass di Daniele Agiman, a seguito delle quali ha diretto più volte l’orchestra “I Musici di Parma” (Sebino e Salso Summer Class&Festival, 2015, 2016, 2017 e 2018). Nel 2016 è invitato da Stefan David Hummel (Universität Mozarteum) a dirigere in Austria e in Germania, riscuotendo ottimi risultati dalla critica locale. Nel 2017 ha diretto l’Orchestra da camera “Luca Marenzio” di Brescia (Stabat Mater di Vivaldi e Pergolesi). Tra i fondatori del “Bazzini Consort”, di cui è attualmente direttore artistico e direttore principale, ha diretto con questo concerti sinfonici in formazione orchestrale, riscuotendo grandi consensi di critica e pubblico, e altri concerti in formazioni da camera, tra cui il concerto dell’alba “Arie di luce”, nell’ambito della Festa dell’Opera 2018 per la Fondazione del Teatro Grande di Brescia; ha diretto inoltre le esecuzioni con cui l’orchestra d’archi del Bazzini Consort ha inciso due dischi: uno per la Ema Records, “Accordion concerto” e l’altro, in fase di produzione, “Le otto stagioni” di Vivaldi e Piazzolla, con Anca Vasile violinista solista. Nell’estate 2018 è stato direttore principale della tournée italiana della Sichuan Philharmonic Orchestra in Lombardia, Veneto, Trentino e Toscana. Ha ricevuto il II premio nell’edizione 2018 del Premio Nazionale delle Arti. Ha studiato con Gilberto Serembe e Umberto Benedetti Michelangeli; è attualmento iscritto all’ultimo corso di laurea triennale in Direzione d’orchestra al Conservatorio “Luca Marenzio” di Brescia, nella classe di Umberto Benedetti Michelangeli.

Informazioni
Ufficio attività culturali del Comune di Arco
telefono 0464 583619
email [email protected]

 

I commenti sono chiusi.