A Peschiera una targa per i Maestri del Lavoro

PESCHIERA - Intitolato ai Maestri del Lavoro d'Italia il largo situato tra l'inizio di Lungolago Mazzini e via Risorgimento con una suggestiva e partecipatissima cerimonia che ha visto presenti numerosi Maestri del Lavoro veronesi, le associazioni di volontariato e filantropiche che vivono ed operano sul territorio arilicense.

Al suono della tromba e dell’Inno di Mameli la sindaca Orietta Gaiulli accompagnata dal neo Console dei Maestri del Lavoro della provincia di Verona Paolo Menapace e dal Console emerito Sergio Bazerla, ha scoperto l’antenna in metallo che supporta la targa in marmo dedicata ai maestri del lavoro.

La nuova targa è identica a quella dei Cavalieri della Repubblica collocata sulla rotonda più a ovest ed a quella all’imbocco dell’accesso del casello autostradale dedicata al Dottore Piero Pederzoli fondatore della clinica ospedaliera omonima.

“E’ un grande onore essere qui oggi ad inaugurare uno slargo tanto affollato dal mondo turistico e così gradevole dal punto di vista paesaggistico – ha esordito il Console Paolo Menapace – dove questa targa ricorda a tutti i passanti l’opera di costruzione e lavoro offerta dai lavoratori italiani, sia in patria che all’estero per la crescita del nostro Paese.”

“Lustro ed onore che la città di Peschiera ha voluto riconoscere perchè consapevole della importanza della dignità del lavoro – ha sottolineato il Console emerito Sergio Bazerla – oggi più che mai necessitò impellente per le giovani generazioni.”

“Non potevamo non riconoscere dignità a questa categoria di lavoratori che hanno profuso impegno, moralità, scuola, qualificazione a tante generazioni di lavoratori – ha concluso il sindaco – e che con la loro abnegazione hanno saputo costituire una classe dirigente che ha dato lustro e che continua ad impegnarli nella crescita e sviluppo delle nostre imprese ma anche della nostra società. Lavoro, dignità e consapevolezza di essere cittadini propulsivi si racchiudono proprio nella onorificenza della “Stella al merito del Lavoro” che ogni anno, il 1 maggio, gratifica mille dirigenti di aziende che fanno grande il nostro territorio ed il nostro Paese, per iniziativa del Presidente della Repubblica di concerto con il Ministro del Lavoro.”

 

I commenti sono chiusi.