Cronaca
0

Botte al titolare e danni al locale, individuati i responsabili

Botte al titolare e danni al locale, individuati i responsabili

DESENZANO – Individuati i quattro che lo scorso 4 agosto aggredirono il titolare di un locale del lungolago. Sono giovani di nazionalità albanese.

Il Commissariato di Pubblica Sicurezza di Desenzano del Garda ha indagato in stato di libertà quattro giovani, tutti albanesi, per i reati di danneggiamento aggravato, lesioni e violenza privata.

I fatti si verificavano la notte del 4 agosto, quando sulla linea di emergenza del Commissariato giungevano diverse telefonate che segnalavano una violenta lite all’interno di un noto locale della movida desenzanese ubicato nelle vicinanze del lungolago.

“Venivano inviate sul posto unità operative – spiega il vice questore aggiunto Bruno Pagani – che constatavano che il locale era seriamente danneggiato ed il titolare aveva delle vistose ferite alla testa, ragion per cui veniva trasportato in ospedale per le relative cure mediche. Le prime testimonianze riferivano di quattro soggetti, probabilmente dell’est Europa, che dopo aver fatto ingresso nell’esercizio pubblico ed aver avuto atteggiamenti molesti e provocatori nei confronti del titolare, aggredivano quest’ultimo colpendolo violentemente, impedivano agli altri presenti di uscire per chiedere aiuto e danneggiavano il locale lanciando bottiglie, bicchieri ed altri oggetti contro le pareti e gli arredi del bar”.

Le indagini svolte dal Commissariato permettevano di individuare i responsabili, tutti di nazionalità albanese: uno di 26 anni residente a Desenzano, gli altri rispettivamente di 26, 31 e 35 anni, residenti in Albania ed in Italia senza fissa dimora.

Uno degli indagati sembra avesse un rapporto sentimentale con una ex dipendente del locale. Non si esclude che l’aggressione sia scaturita quale ritorsione per delle pretese di natura economica vantate da quest’ultima a seguito della conclusione del rapporto lavorativo.

Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • rss
  • mail

Scritto da: redazione GardaPost