Libri sotto l’albero a Gargnano

GARGNANO - «Libri sotto l’albero» è il titolo della bella rassegna natalizia che l’assessorato alla cultura del Comune di Gargnano dedica alle più recenti pubblicazioni editoriali gardesane e bresciane. In programma anche un ricco calendario di incontri con l'autore e conferenze.

La rassegna sarà inaugurata sabato 1 dicembre alle 16. E’ allestita nell’ex palazzo municipale fino al 22 dicembre. Tutti i giorni, dalle 16 alle 19, i cultori di cose gardesane qui troveranno libri e volumi dedicati a questa terra e, più in generale, al territorio bresciano.

Affianca la rassegna libraria un ricco calendario di presentazioni e incontri con l’autore. Questo il calendario, con appuntamenti tutti in programma alle 20.30, tranne il primo, nell’ex palazzo municipale.

Sabato 1 dicembre alle 17 Carlo Simoni, storico e scrittore, relazione su «Un lago carico di storie». Autore di numerosi articoli e saggi sulla vicenda economica e sociale contemporanea e sulle culture del lavoro nel Bresciano, Simoni ha diretto dal 1992 al 2008 la casa editrice Grafo di Brescia. Oltre che alla ricerca, si è dedicato alla progettazione di musei della cultura materiale e a iniziative di recupero di aree storico-industriali. Da qualche anno scrive romanzi e racconti.

 

Carlo Simoni
Carlo Simoni.

 

Martedì 4 alle 20.30 «Curare la memoria dei luoghi e delle storie di vita», esperienze e progetti a Tremosine.

Venerdì 7 alle 20.30 Salvatore Goffi presenta «La guerra del Piero».

Martedì 11 si presenta il libro «Le arti sul lago di Garda tra passato e futuro» edito dall’Ateneo di Salò; presentazione a cura di Elena Ledda e Andrea Crescini.

Venerdì 14 l’autrice Chiara Montani presenta «Sofonisba. I ritratti dell’anima». Martedì 18 conferenza di Giuliana Pezzola, perito grafico giudiziario e consulente grafoanalista, sul tema «Grafoanalisi: alla scoperta della scrittura e delle sue sorprendenti risorse».

Ultimo appuntamento venerdì 21: Giuseppe Piotti, Antonio Foglio, Claudia Dalboni e Silvia Merigo ci parleranno delle attività editoriali e di ricerca dell’Asar, l’Associazione storico archeologica della Riviera del Garda.

 

 

I commenti sono chiusi.