Il Parco Natura Viva celebra mezzo secolo a difesa della biodiversità

BUSSOLENGO - Il 21 giugno del 1969, mezzo secolo fa, il Parco Natura Viva aprì le porte al pubblico con 6 ettari e l'ippopotamo Pippo ad abitarlo; oggi, 42 ettari ospitano quasi 1500 esemplari. Per celebrare il 50° il Parco manderà in scena una tre-giorni di festeggiamenti il 14, il 15 e il 16 giugno tra anteprime, presentazioni, arte e musica.

Una tre giorni all’insegna del divertimento e delle celebrazioni per un’avventura iniziata mezzo secolo fa, quasi per caso. Da allora il Parco Natura Viva è diventato un centro di tutela delle specie minacciate di estinzione di spicco, in Italia e in Europa.

Passato, presente e futuro

Il Parco Natura Viva compie cinquant’anni a difesa della biodiversità. Era il 21 giugno del 1969 quando l’architetto Alberto Avesani, padre di Cesare Avesani Zaborra attuale direttore scientifico, aprì i cancelli al pubblico mostrando il primo animale esotico giunto sulle sponde del Lago di Garda: l’ippopotamo Pippo, lascito di un circo di passaggio. Così, quasi per caso, iniziò la grande avventura: 6 ettari di estensione che nel ’73 divennero 12, con l’apertura del primo auto-safari del nord-Italia.

L’ippopotamo Pippo, primo ospite del Parco Natura Viva.

 

Dopo mezzo secolo – nel 2019 – quell’azzardo si è trasformato in 42 ettari di sentieri per i visitatori, che con il loro biglietto vengono coinvolti in più di 20 progetti di conservazione delle specie animali in Italia e nel Mondo, possono conoscere oltre 200 specie e osservare un collezione zoologica che sfiora i 1500 esemplari.

E d’altronde non è ancora sufficiente, perché la storia corre veloce verso una modernità che non aspetta e che impone un’attenzione sempre maggiore alla biodiversità che scompare sotto i nostri occhi: è per questo che venerdì 14, sabato 15 e domenica 16 giugno il Parco Natura Viva si trasformerà in un teatro naturale in cui andrà in scena la celebrazione del passato e una nutrita progettazione del futuro, vicinissima a prendere forma.

 

I festeggiamenti

Una serata, quella di venerdì 14, riservata ai grandi direttori dei parchi zoologici europei, alle autorità e alle personalità della conservazione sarà lo scenario per l’apertura delle danze della tre-giorni dedicata al Parco Natura Viva, mentre sabato 15 giugno sarà tutta dedicata al suo cuore pulsante, al motore che ne permette l’esistenza stessa: i visitatori.

Insieme a loro sabato 15 giugno sarà l’occasione per festeggiare tra la bellezza della natura, il buon cibo, l’arte e la musica un compleanno davvero speciale.

Gli iscritti (online su www.parconaturaviva.it) alla giornata potranno arrivare e visitare il Parco quando vorranno, consapevoli che alle 20:30 inizieranno i festeggiamenti con una cena firmata Masi: prodotti tipici del territorio e una prestigiosa selezione di vini. Alle 21:30 poi si proseguirà con i saluti del direttore scientifico Cesare Avesani Zaborra, che precederanno uno spettacolo di musica classica firmato dall’orchestra “Mito’s”, che suonerà le migliori colonne sonore dei fil più amati. Si concluderà con “I Truzzi Shadow, due performance di arte e luci, sand art e scado show.

Esemplare di Ocelot al Parco Natura Viva.

 

Una conclusione in bellezza quella che darà spettacolo domenica 16 giugno nella grande piazza pubblica di fronte ai cammelli, dove dalle 10.00 alle 12.00 e poi di nuovo nel pomeriggio Trucchetta & Palloncio si occuperanno di intrattenere e far divertire i visitatori del Parco più piccoli. Li vedremo alle prese con piccole gag insieme ai bimbi, impegnati in un coloratissimo facepainting a tema animalesco e bolle di sapone giganti che potranno provare a fare tutti.

Per tutta la durata dei festeggiamenti, dal 14 al 16, al Parco Natura Viva ci saranno ad esporre i loro prodotti al Parco i giovani designers veronesi di Henry&Co, tra i quali l’illustratrice Antonella Manenti, pensieromateria e tomato bio-plastic.

gelada parco natura viva
Un gelada al Parco Natura Viva.

 

I commenti sono chiusi.