La Camerata Vocale apre la Pasqua Musicale Arcense

0

ARCO – Al via domenica 14 con un’inedita anteprima d’inizio di Quaresima la 43ª Pasqua Musicale Arcense. Le dodici voci della Camera Vocale di Bolzano propongono un concerto di musica funebre inglese.

Nuova edizione per la tradizionale manifestazione di musica perlopiù classica, sia sacra sia profana, il cui programma è pensato per rivolgersi ad un ampio pubblico, con l’eccellenza di prestigiose ensemble e di importanti nomi del panorama musicale europeo. Nella bellissima chiesa del santuario della Madonna delle Grazie – storico luogo di devozione e Porta santa per il Giubileo straordinario della misericordia indetto da Papa Francesco – le dodici voci della Camera Vocale di Bolzano, dirette da Jean-Michel Boulay, propongono «Media vita», un concerto di musica funebre inglese dedicato espressamente al rito della morte e al suo significato cristiano di passaggio, di punto intermedio dell’esistenza dell’uomo. Lo spettacolo propone una selezione di brani di compositori inglesi fra il Cinquecento e il Seicento: Byrd, Sheppard, Tomkins, Morley, Weelkes e Purcell. L’ingresso è libero; l’inizio alle ore 18.

Peccato e perdono divino, corti sfavillanti e re assassini, alchimia ed esoterismo, invenzioni straordinarie e dottrine millenarie: il XVI secolo è stato denso di grandi «Lumi» ma anche di molte, moltissime ombre. Nel concerto «Media vita» la Camerata Vocale darà respiro ad alcune tra le pagine musicali più belle di questa particolare epoca, che rimane tutt’oggi la più controversa, affascinante e misteriosa.

Apertura anticipata, quindi, per la Pasqua Musicale Arcense, i cui spettacoli – dal 12 marzo al 2 aprile – si svolgono come tradizione anche nelle principali chiese della città, compresa l’evangelica della S.S. Trinità, a sottolineare il carattere ecumenico delle celebrazioni. Un appuntamento di prestigio per il periodo pasquale che da tanti anni attira un ampio pubblico e vasti consensi, unendo ogni anno ad una formula collaudata spunti di novità. Una formula che mette in risalto una caratteristica unica della città di Arco: ospitare, accanto alle tante chiese cattoliche, anche una chiesa evangelica.

Uno dei momenti di maggiore significato, oltre al concerto di Pasqua eseguito dall’Orchestra della Pasqua Musicale Arcense assieme al coro Anzolim de la Tor (domenica 27 marzo), rimane infatti la celebrazione ecumenica della Passione, cattolica e luterana, officiata insieme dal pastore evangelico Martin Krautwurst e dal decano cattolico di Arco monsignor Walter Sommavilla (venerdì 25 marzo). La Pasqua Musicale Arcense si deve all’iniziativa di monsignor Flaim e del pastore Franz Otto Zanfrini che, assieme a Fausto Gobbi e Pietro Forcinella, 43 anni fa pensarono ad un calendario di concerti per il periodo pasquale. Anima artistica della manifestazione è Peter Braschkat, musicista tedesco molto legato alla città di Arco, che fondò l’orchestra della Pasqua Musicale Arcense, composta di musicisti di livello internazionale. La manifestazione ha avuto il merito di aver consolidato il rapporto con la comunità evangelica, che ha la sede proprio nella magnifica chiesa della SS. Trinità di Arco. Nel corso degli anni, poi, ai musicisti chiamati da Peter Braschkat si sono aggiunte altre risorse locali, tra cui la Camerata musicale Città di Arco, l’ensemble Niccolò d’Arco e la Scuola Musicale Alto Garda.

La Pasqua Musicale Arcense è organizzata dal Comune di Arco, con la collaborazione del Conservatorio Bomporti di Trento e Riva del Garda, del Conservatorio L. Marenzio di Brescia, della SMAG – Scuola Musicale Alto Garda, dell’assocaizione Arco Antiqua, dell’associazione Fisarmoniche di Arco, dell’Associazione Edizioni Corali.it e del coro Castel della sezione SAT di Arco. Collaborano inoltre la Parrocchia di Arco, la Comunità evangelica di Merano, la Parrocchia  di Bolognano, la Parrocchia di Dro e il Santuario della Madonna delle Garzie, comunità dei frati francescani di Arco.

43ª Pasqua Musicale Arcense: il programma


Arco, salone delle feste del Casinò municipale
Corpo bandistico di Riva del Garda e Francesco Maria Moncher (pianoforte)

Domenica, 13 marzo 2016, ore 18.00
Ceole, santuario della Madonna delle Grazie
Ensemble Arco Antiqua

Venerdì 18 marzo 2016, ore 20.45
Arco, salone delle feste del Casinò municipale
Coro e orchestra d’archi della SMAG

Sabato 19 marzo 2015, ore 20.45
Varignano, chiesa di S. Michele
Camerata Musicale Città di Arco

Domenica 20 marzo 2015
Dro, chiesa
Coro e orchestra d’archi del Conservatorio L. Marenzio di Brescia

Venerdì 25 marzo 2016, ore 16.00
Arco, chiesa Evangelica della Trinità
Celebrazione ecumenica della Passione (cattolica e luterana) con i solisti della Pasqua Musicale Arcense

Sabato 26 marzo 2016, ore 20.45
Arco, salone delle feste del Casinò municipale
Orchestra della Pasqua Musicale Arcense

Domenica 27 marzo 2016, ore 20.45 (circa)
Arco, chiesa Collegiata
Orchestra della Pasqua Musicale Arcense con il coro Anzolim de la Tor

Lunedì 28 marzo 2016, ore 17.00
Arco, salone delle feste del Casinò municipale
Fisorchestra Città di Arco

Martedì 29 marzo 2016, ore 20.45
Arco, chiesa Evangelica della Trinità
Gruppo flautisti Il Conventello

Venerdì 1 aprile 2016, ore 20.45
Bolognano, chiesa dell’Addolorata
Coro e solisti del Conservatorio F.A. Bonporti di Trento

Sabato 2 aprile 2016, ore 20.45
Arco, chiesa Collegiata
Coro Castel della sezione SAT di Arco e Coro da Camera di Varese

Domenica 2 aprile 2016, ore 17.00
Arco, salone delle feste del Casinò municipale
Cantori e Gruppo primavera del coro Castel, coro Città di Ala, Coro da Camera di Varese, coro La Gagliarda

Ore 20.45 – Bolognano, chiesa dell’Addolorata

Ensemble Vocale Nicolò d’Arco e Gruppo Strumentale Cappella Benacensis

La Camerata Vocale di Bolzano
La Camerata Vocale di Bolzano e stata fondata nel 2015 da Jean-Michel Boulay e Paolo Peroni. Questo ensemble vocale professionale, formato da giovani cantanti, è specializzato nell’esecuzione di musiche dei secc. XV, XVI e XVII, il che tuttavia non esclude brevi trasferte nel repertorio di altri periodi. Le interpretazioni della Camerata Vocale di Bolzano si fondano su un rispetto totale del testo musicale autentico, su un’analisi della retorica interna a ciascuna delle opere musicali. sulla valorizzazione del testo e del suo significato, nonché sulla ricerca di una tessitura musicale trasparente. La composizione numerica dell’ensemble varia a seconda delle opere presenti nel programma di ciascun concerto.

Alessandro Gardini ha studiato al Conservatorio e all’Accademia Internazionale della Musica di Milano. Collabora stabilente con il Nederlands Kammerkoor, il Canto d’Orfeo e la Venexiana.
Janna Klisowska ha studiato all’Accademia di Musica di Wroclaw, alla Civica Scuola di Musica di Milano e alla Musikhochschule di Trossingen. Haa cantato con i più grandi specialisti della musica barocca.
Maria Clara Maiztegui ha studiato a Buenos Aires, dove ha partecipato a molti concerti. Studia il canto barocco a Verona con Vincenzo di Donato.
Marco Petrolli ha studiato direzione di coro e canto a Trento. Canta con molti ensemble del Nord Italia.
Ezio Salvaterra ha studiato canto a Trento, la sua città di residenza, e a Bolzano. Canta regolarmente con ensemble di Trento e Rovereto.
Consuelo Maria Serraino ha studiato lettere classiche, musica e teatro. Lavora regolarmente come cantante, lettrice, attrice e regista.
Luca Dellacasa ha studiato organo e clavicembalo a Genova e polifonia rinascimentale a Lecce. Ha cantato musica antica e moderna con molte prestigiose formazioni europee.
Lars Magnus Hvass Pujol ha studiato storia all’Universitat Autònoma di Barcelona. Studia adesso musicologia e clavicembalo a Bologna, dove canta nella Cappella Musicale di S. Petronio.
Alessio Tosi ha studiato con molti prestigiosi musicisti ed è stato premiato in numerosi concorsi interazionali. Ha cantato con alcuni dei maggiori gruppi di musica antica.
Matteo Bellotto ha studiato canto, clarinetto e didattica a Parma. Modena e Bologna. Ha cantato musica antica e contemporanea con alcuni dei migliori ensemble europei.
Davide Benetti ha studiato a Vicenza, Pesaro e Basilea. Canta regolarmente, anche come solista, con i migliori gruppi italiani e svizzeri specializzati nell’esecuzione della musica antica.
Paolo Peroni è di Bolzano. Ha studiato canto nella sua città e ha collaborato con molti polifonisti esperti. Continua la sua formazione con Leonardo De Lisi a Firenze.
Jean-Michel Boulay è nato in Francia e ha trascorso l’infanzia e l’adolescenza in Canada. Dopo gli studi musicali nel Québec si è perfezionato in direzione d’orchestra, direzione di coro e composizione a Salisburgo, Colonia e Liegi. Ha fatto studi di musicologia all’Eastman School of Music a Rochester (NY, Usa) e all’università della Columbia Britannica a Vancouver (Canada), dove ha conseguito il dottorato di ricerca. Dal 2003 vive in Italia.

Il santuario della Madonna delle Grazie, ad Arco di Trento.
Il santuario della Madonna delle Grazie, ad Arco di Trento.

Lascia una risposta