Vesti la Musica: vince la gardesana Emanuela Peretti, in arte “Nuè”

RIVOLTELLA - Ieri a Rivoltella la tappa conclusiva del 7° Concorso nazionale di moda musicale “Vesti la Musica… in abito da sera” organizzato dal progetto Noi Musica. Ecco i vincitori.

L’estate è partita! Piazza Deodara era gremita di gente ieri sera (sabato 16 giugno) a Rivoltella del Garda, per la tappa conclusiva del 7° Concorso nazionale di moda musicale “Vesti la Musica… in abito da sera” organizzato dal progetto Noi Musica con la collaborazione del gruppo Cuori Ben Nati, che in paese ha proposto la manifestazione gastronomica “Risoltella”, e il patrocinio del Comune di Desenzano del Garda.

Dopo lo spettacolo di bolle di sapone con la simpatia del Mago Alesgar, l’elegante piazza rivoltellese ha accolto la sfilata finale del concorso di moda “musicale” per stilisti emergenti, ispirato quest’anno ai quattro elementi “terra, acqua, aria e fuoco”.

A trionfare è stata la creativa gardesana, Emanuela Peretti in arte “Nuè”, 27enne di Lonato del Garda, che con l’abito “La vie” ispirato al brano di Enya “One by One” e indossato da Stefania Bontempi, ha conquistato la giuria meritando sia il primo premio che lo stage in palio presso l’atelier della stilista bresciana Patrizia Concari, specializzata in abiti da sposa e da cerimonia. Emanuela avrà la possibilità di lavorare per sei mesi fianco a fianco con la stilista, partecipando all’attività di laboratorio e alle sue sfilate.

Vincitrice 2018 – Emanuela Peretti.

 

Terzo classificato è Guido Simone Di Lorenzo, 38 anni di Faicchio (Benevento), collaboratore in un centro di acconciature e abbigliamento di Lonato, autore dell’abito “Tutto altrove” ispirato all’omonimo inedito del cantautore Enrico Turina e indossato dalla modella Elisa Turati.

Terzo Premio 2018 – Guido Simone Di Lorenzo.

 

Secondo premio per Beatrice Pedron, 29enne di Lonato Ceppino (Varese), con l’originale creazione ispirata alla fenice e alla canzone “Firelands” di Tracey Hewat, indossata da Jessica Strinasacchi.

Secondo Premio – Beatrice Pedron.

 

Il premio della critica, infine, è stato attribuito dalla giuria di esperti (composta da stilisti, sarte e fotografi) alla veronese artigiana di moda Arianna Motta, 23 anni di Castelnuovo del Garda, con l’abito rivoluzionario intitolato “Revolution” ideato per il brano “La punta dell’iceberg” di Eugenio in Via Di Gioia e portato in passerella dalla modella Silvia Zanni.

Premio della Critica – Arianna Motta.

 

Gli altri stilisti finalisti della serata erano: Debora Domanico (29 anni, di Rimini), Rosita Carmen Maisano  (24 anni, di Reggio Calabria) e Jessica Pierasco  (35 anni, di Pescantina Vr). Due le stiliste non in gara, Cristina Girelli di Castel Goffredo – tra gli organizzatori – e Deborah Gamberini di Ferrara – seconda classificata Vesti la Musica 2017 – che hanno presentato le loro collezioni ed emozionato il pubblico rivoltellese.

Gli abiti da sera finalisti erano tutti “musicali”, peculiarità del concorso, ovvero abbinati a una canzone e sul palco sono stati accompagnati dalle giovani voci di Alessia Notarangelo, Elisa Bardelloni, Elena Baldo, Linda Solazzi, dal pianista Riccardo Barba e dai musicisti Chiara Cavoli (violino), Sara Zastellani (violoncello), Diego Marrella (chitarra) e Davide Vernocchi (basso).

Foto di gruppo per i vincitori di Vesti la Musica 2018.

 

L’evento di moda e musica, come per tradizione, ha anche una finalità benefica: quest’anno Noi Musica ha scelto come “partner”  il Centro aiuto vita di Desenzano, nel suo 30° anniversario. Grazie ai suoi cinquanta volontari, il centro è punto di ascolto, amicizia, sostegno e consulenza per le future mamme, per le coppie e famiglie in difficoltà, per le ragazze-madri e anche per le donne che hanno abortito. Solo nel 2017 a Desenzano sono stati seguiti 66 bambini, 129 nuclei familiari e 92 gestanti.

La manifestazione targata “Noi Musica” è stata organizzata grazie all’aiuto di tanti sponsor e numerosi volontari, e in particolare grazie al lavoro di quattro donne: la conduttrice Francesca Gardenato – affiancata sul palco dal bravissimo speaker Michele Ravani –, la stilista Cristina Girelli, la modella Elisa Belleri e la parrucchiera Marcella Guatta. Immancabile durante l’evento il ricordo di Stefania Sartori “Madame Rebecca”, scomparsa prematuramente il 24 luglio 2017. Stefania è stata cofondatrice e per sei anni anima di questo concorso e per ricordarla era presenti la sorella Elisa e la figlia Vittoria.

Le immagini e gli articoli del concorso sono visionabili sui social sulla pagina Facebook Vesti la Musica in abito da sera e con l’#tag #VestilaMusica2018

Foto del fotografo Albert Previ.

 

I commenti sono chiusi.