Era un aviere del 6° Stormo il sub annegato a Toscolano

TOSCOLANO – Cordoglio per la tragica scomparsa del sub 39enne Miguel Verdecchia. Era di stanza dagli anni ’90 all’Aerobase del 6° Stormo dell’Aeronautica militare di Ghedi. Abitava a Bedizzole con la moglie, veterinaria.

La Procura di Brescia ha aperto un’inchiesta per capire cosa possa essere accaduto domenica mattina nelle acque di Toscolano, dove durante un’immersione ha perso la vita Miguel Verdecchia, 39 anni, originario di Mentana, in provincia di Roma, ma residente nel Bresciano da vent’anni.

Forse l’autopsia potrà fornire risposte. Per ora l’ipotesi più probabile è quella del malore.

Il dramma ieri mattina di buon’ora, domenica 2 dicembre. Quella che doveva essere un’immersione sportiva entro i 40 metri di profondità, sulla carta priva di particolari rischi, si è trasformata in tragedia.

Guardia Costiera e Volontari del Garda durante le operazioni di recupero.

 

Il 39enne si era immerso nelle acque a nord di Toscolano, assieme a due compagni, nel tratto di lago appena oltre la villa nota come Casetta degli Spiriti.

Secondo quanto riferito dai compagni di immersione i tre avevano raggiunto, come da programma, quota 38 metri, e stavano pinneggiando verso nord, quando Verdecchia ha cominciato ad agitarsi. Gli amici hanno capito subito che qualcosa non andava e hanno cercato di riportare il compagno verso la superficie. Sono seguiti attimi di concitazione, i tre si sono ritrovati avvolti da una nuvola di fango e il 39enne è sparito dalla vista dei due compagni.

Il corpo, dopo essere stato recuperato, è stato portato a terra al Marina di Bogliaco.

 

Il sub è stato individuato neppure due ore più tardi dalle telecamere del rov subacqueo dei Volontari del Garda, a 48 metri di profondità.

Alle 10.30 la salma è stata recuperata e condotta al molo del Marina di Bogliaco.

Verdecchia, dopo la naia non aveva più lasciato l’aeroporto militare di Ghedi, dove lavorava come addetto all’autoreparto.

Una foto tratta dal profilo Facebook della vittima.

 

I commenti sono chiusi.