Il capolavoro del cinema muto Le voyage dans la Lune apre il Filmfestival

GARDONE RIVIERA - Filmfestival del Garda, giorno 1. Domenica 26 maggio alle ore 18,30 al via la XII edizione. Il capolavoro del cinema muto Le voyage dans la Lune di Méliès e la sezione Garda Ciak inaugurano il festival.

L’evento di pre-apertura è in programma al Grand Hotel Gardone.

Domani, domenica 26 maggio alle ore 18.30, la XII edizione del Filmfestival del Garda porterà gli spettatori sulla luna con uno speciale evento di pre-apertura: nel cinquantesimo anniversario dell’allunaggio, il primo appuntamento con il festival gardesano sarà con il capolavoro del cinema di fantascienza Le voyage dans la Lune di George Méliès (Viaggio sulla Luna, Francia, 1902, 13’), proiettato nella prestigiosa location del Grand Hotel Gardone (Gardone Riviera) e sonorizzato dal vivo dall’Ensemble Autrement, costituitosi per l’occasione. La sonorizzazione originale è stata scritta appositamente per il FFG da Francesco Tanzi e verrà eseguita dai due violoncellisti Gaetano Simone e Francesco Tanzi e dalla violinista Silvia Grasso.

L’evento sarà accompagnato da un aperitivo e dopo la proiezione del film di Méliès, la serata proseguirà con la Sezione Garda Ciak, ormai un classico del festival, che quest’anno propone il film Da Cascia a Norcia – Testimonianze di un disastro del gardesano Daniel Modina (Italia, 2016, documentario, 23’), un viaggio tra i luoghi e la popolazione colpite dal terremoto del 30 ottobre 2016, compiuto da chi ha prestato i primi soccorsi e da chi ha vissuto in prima linea questo disastro.

Tantissimi gli eventi e le proiezioni che si susseguiranno per otto giorni in varie location, Brescia, Calvagese della Riviera, Puegnago del Garda, Salò, San Felice del Benaco, Toscolano Maderno, Vestone e Vobarno durante il Filmfestival del Garda, che si concluderà domenica 2 giugno con le premiazioni del concorso internazionale.

Ricordiamo che il tema  della XII edizione è riassunto nel titolo Io Sono, Noi Siamo, Reciprocamente, dove l’avverbio segna la dimensione necessaria della partecipazione al vivere comunitario, all’appartenenza agita dei membri di una comunità: questa dimensione rinnova il suo approccio corale, polifonico e complesso, afferma il valore dell’uomo politico, aristotelico, desidera l’incontro e accetta la discussione, il confronto e la problematicità del quotidiano grazie al medium di una pellicola cinematografica. La luna, topos ininterrotto nella storia del pensiero poetico in ogni sua forma, esplorata e calcata cinquant’anni fa per la prima volta, sembra indicarci la direzione, alta e luminosa benché lontana, in una notte che non è buia, ma illuminata dalla sua luce quotidiana e misteriosa, una notte non solitaria perché abitata da tutti quelli che, come noi, desiderano guardare oltre, insieme. Il tema sarà sviluppato attraverso proiezioni ed eventi per tutta la durata del festival.

 

Location: Grand Hotel Gardone (Corso Zanardelli 84, Gardone Riviera – Brescia)

Orario: a partire dalle ore 18.30

Biglietto singola proiezione: 5 €

Abbonamento intero:  FFG 30 €

Accrediti culturali: 15 €

Immagine tratta dal reportage “Da Cascia a Norcia”.

 

LE VOYAGE DANS LA LUNE

di George Méliès

Francia, 1902, Fantascientifico, 13’, muto

Liberamente tratto dal capolavoro di Jules Verne Dalla terra alla Luna e da I primi uomini sulla Luna di H. G. Wells, la pellicola di Méliès è divenuta celebre anche grazie alla scena iniziale in cui una navicella spaziale si conficca nell’occhio di una espressiva faccia lunare. Per secoli la Luna ha animato il nostro immaginario poetico e quando Méliès nel 1902 crea il suo straordinario Voyage dans la Lune non poteva sapere che la sua opera avrebbe precorso gli eventi del secolo breve, consegnando quei 14 minuti di pellicola alla storia della settima arte.

 

DA CASCIA A NORCIA – TESTIMONIANZE DI UN DISASTRO

di Daniel Modina

Italia, 2016, Documentario, 23’

Un viaggio, tra i luoghi e la popolazione colpite dal terremoto del 30 ottobre 2016, compiuto da chi ha prestato i primi soccorsi e da chi ha vissuto in prima linea questo disastro. Si passa da Cascia a Norcia entrando anche in alcune frazioni vicine e isolate. Un reportage allo scopo di descrivere per immagini il “sistema dei soccorsi” e supportare le testimonianze delle persone incontrate. Grazie al reportage è stato possibile realizzare la documentazione della destinazione degli aiuti e delle donazioni raccolte per l’occasione.

 

I commenti sono chiusi.