Tre persone e un barboncino soccorsi nel golfo di Salò

SALO' - Singolare intervento di soccorso della Guardia Costiera che ha recuperato tre amici di San Felice, che non riuscivano più a raddrizzare la canoa canadese ribaltata, e il loro barboncino, il più impaurito di tutti.

Erano da poco passate le 18 di mercoledì 19 giugno quando il comandante del traghetto di linea della società Navigarda in transito nel Golfo di Salò contattava la Sala Operativa del 1° Nucleo Mezzi Navali della Guardia Costiera per segnalare una canoa rovesciata con affianco tre persone che si stavano sbracciando per attirare l’attenzione.

Immediato l’intervento dell’equipaggio della Guardia Costiera a bordo del battello Zodiac GC A58 che individuava i tre malcapitati e il loro barboncino ad alcune centinaia di metri da riva mentre tentavano invano di raddrizzare una canoa di tipo canadese.

A causare il rovesciamento è stato proprio uno dei tre amici, tutti italiani e tutti residenti a San Felice del Benaco, che si è incautamente tuffato in acqua sbilanciando irrimediabilmente il mezzo.

Il più impaurito è risultato essere il piccolo barboncino tremante per il freddo e lo spavento e recuperato anch’esso dagli uomini della Guardia Costiera che hanno poi accompagnato tutti a riva.

Nel raccomandare a tutti gli utenti di navigare sempre con la massima prudenza e di indossare in ogni circostanza il giubbetto salvagente, il Nucleo Guardia Costiera del Lago di Garda ricorda che il numero di emergenza e soccorso da comporre in caso di necessità è il 1530.

Il golfo di Salò.

 

I commenti sono chiusi.