Pastificio Gaetarelli, da bottega artigianale ad azienda top performer

SALO' - La storia del pastificio salodiano Gaetarelli, da via Gasparo al mercato globale, con bilanci che mietono premi (5 milioni di fatturato nel 2018) e 30 dipendenti. 

Il Pastificio Gaetarelli, ancora una volta riconosciuto come “company to watch” ha spiegato il proprio percorso di crescita e successo ad una platea di imprenditori.

L’incontro ha avuto luogo lo scorso 14 giugno presso Timmagine, agenzia di comunicazione con 34 figure professionali in organico, che da alcuni anni accompagna Pastificio Gaetarelli nel suo percorso di crescita. E stata la conclusione di un ciclo di formazione – In Business – organizzato da Care, Società di Formazione di Darzo in Trentino e patrocinato dalla Cassa Rurale.

Per noi è stata l’occasione per incontrare i titolari del Pastificio Gaetarelli. Questa è la sua storia.

Dalla bottega artigianale nel vecchio quartiere di via Gasparo ai mercati del mondo globalizzato. Sempre con lo stesso pallino: la qualità e la genuinità della pasta fatta in casa, ma con la sicurezza alimentare che solo una moderna azienda può garantire.

«Facciamo i ravioli come li fa la signora Maria, ma li portiamo in tutto il mondo», scherza, ma neanche tanto, Massimo Gaetarelli, che con i fratelli Claudio e Luca è titolare di seconda generazione del Pastificio Gaetarelli, storica azienda salodiana protagonista di un percorso di crescita straordinario, da piccolo laboratorio artigianale ad azienda top perfmormer, con bilanci che mietono premi.

Come, per limitarci al 2019, il premio «Raccontami impresa» di Banca Ifis per «una PMI da 5 milioni di euro con una variazione positiva dei ricavi nel bilancio 2018 rispetto al 2017 del 40%», o il premio «Imprese Vincenti» di Intesa San Paolo assegnato a «quelle PMI che contribuiscono maggiormente alla crescita del PIL e al sostegno dei livelli occupazionali». È il 1964 quando i fratelli Bruno e Angelo Gaetarelli fondano il laboratorio di pasta fresca lavorata a mano nel cuore di Salò.

 

Pasta ripiena fatta a mano, oggi come ieri. Oggi la produzione si attesta a 5mila kg al giorno, di cui 2mila di tortelli lavorati a mano

La qualità delle materie prime è il carattere distintivo dei prodotti Gaetarelli, che vanno a ruba nei ristoranti e nelle migliori gastronomie del lago. Già nel 1970 si rende necessario trasferire la produzione in un laboratorio più grande, di 500 mq.

Nel ‘92, dopo una gavetta a far consegne sui furgoni, assumono la proprietà e direzione del pastificio i figli di Bruno: Massimo, Luca e Claudio. Si deve a loro l’internazionalizzazione dell’azienda.

«In questo – dice Massimo Gaetarelli – ci ha aiutato essere a Salò. Guardando i turisti tedeschi ripartire con una scorta dei nostri prodotti, abbiamo capito che potevamo avere appeal sui mercati esteri». Che oggi rappresentano il 70% del fatturato. Le pasta fresca di Salò è sugli scaffali di mezza Europa, Canada, Asia (Hong Kong e Shanghai).

I fratelli Gaetarelli. Da sinistra: Luca, Claudio e Massimo.

 

Nel 2004 l’inaugurazione della nuova sede a Cunettone, con una linea produttiva avveniristica, al momento unica al mondo. Pastificio Gaetarelli diventa una struttura di oltre 2.300 mq, si dota della Certificazione di Qualità secondo le norme UNI EN ISO 9001:2008 e gli standard BRC-GSFS e BIO e amplia il suo portfolio clienti.

Oggi vi lavorano 30 dipendenti e 6 internali.

«Un capitale umano – dice Claudio Gaetarelli – sul quale investiamo molto». Il pastificio è cresciuto assieme ai sui dipendenti. Un «intagibles assets» che i Gaetarelli considerano prioritario. Emblematico il percorso di Andrea Bodei, arrivato qui a 16 anni come magazziniere, oggi operation manager.

Politica non solo lungimirante, ma anche azzeccata, visti i bilanci: 2,8 milioni di fatturato nel 2016, 3,7 nel 2017, 5 nel 2018, con un utile prima delle tasse di 200mila euro. Risultati tutt’altro che scontati in un Paese che conta 7mila pastifici.

La crescita è dovuta a tanti fattori, dall’introduzione dei metodi della «Lean Production» al riposizionamento del brand condotto dall’agenzia salodiana Timmagine.

 

Oggi la produzione si attesta a 5mila kg al giorno, di cui 2mila di tortelli lavorati a mano. Prodotti caratterizzati da assenza di coloranti, conservanti ed esaltatori di sapidità, quali ad esempio il glutammato monosodico, e con una bassa percentuale di sale.

Il 40% finisce nei ristoranti, il 15% nelle gastronomie e il 45% nella grande distribuzione.

Progetti futuri? Massimo Gaetarelli è un fiume in piena: «Raddoppiare la capacità produttiva, migliorare ancora la qualità, progetti per la nicchia bio e vegan, partnership per possibili acquisizioni… La sfida è arrivare a 10 milioni di fatturato».

I riconoscimenti istituzionali

Il Premio “Great Taste Gold Awards” – 2007 – 2008 e 2009

Nel 2007, 2008 e 2009 la qualità dei prodotti di Pastificio Gaetarelli è stata premiata con “Great Taste Awards” (GTA), gli “Oscar” dei prodotti alimentari, vale a dire la più importante valutazione indipendente del Regno Unito del buon cibo e bevande stilata da “Guild of fine Goods”, l’associazione inglese del commercio: ogni anno oltre 4.800 alimenti, scelti da più di 1.000 aziende, vengono degustati da tre squadre di esperti costituiti da distributori, critici di ristorazione, giornalisti ed altri esperti dell’industria alimentare.

A vincere i GTA sono stati i prodotti Gaetarelli commercializzati e distribuiti dal partner inglese “The Fresh Pasta Company”. In particolare, gli ultimi in ordine di tempo a ricevere il premio sono stati: i tortelloni ai funghi misto bosco (2 stelle), i tortelli agli asparagi e pecorino (2 stelle), i tortelli di zucca, con burro e salvia (2 stelle), i tortelloni al capriolo (3 stelle).

 

Il Premio Qualità – Imprese Eccellenti della Lombardia – anno 2009

Nel 2009 Pastificio Gaetarelli ottiene il “Premio Qualità – Imprese Eccellenti della Lombardia” assegnato da Regione Lombardia nell’ambito di Progetto Benchart, l’iniziativa che premia le aziende lombarde che presentano un’efficiente organizzazione aziendale, una spiccata attenzione all’ambiente nei loro processi produttivi o un elevato grado di innovazione di prodotto e/o di processo. 

In particolare, la prassi eccellente che Regione Lombardia ha riconosciuto a Pastificio Gaetarelli è risultata essere: “Valorizzazione del territorio attraverso la ricerca di materia prime, ricette locali tramandate nel tempo e loro promozione anche all’estero. Forte orientamento al cliente, destinatario del risultato di una produzione di alta qualità a 360 gradi, ottenuta con analisi, studio e validazione di ogni processo produttivo, oltre che selezionando in modo attento e costante fornitori qualificati”.

 

Il “Premio Ok Italia Piccoli imprenditori crescono” di Unicredi Group – anno 2010

Nel 2010 Unicredit Group conferisce a Pastificio Gaetarelli il “Premio Ok Italia 2010” per la categoria ”Eccellenza del territorio come leva per internazionalizzarsi”.

Premio Ok Italia – Piccoli imprenditori crescono” è il premio che il gruppo bancario Unicredit ha istituito nel 2004 per riconoscere ed evidenziare il valore delle piccole imprese, motore trainante dell’economia italiana.

La motivazione al Premio assegnato a Pastificio Gaetarelli è la seguente: “L’azienda bresciana, che costituisce un esempio di passaggio generazionale di successo, è stata premiata perché ha saputo coniugare la tradizione della lavorazione artigianale, tipica del “piccolo negozio di paese”, con la produzione su larga scala grazie all’utilizzo di moderne tecnologie. Nel corso degli anni l’azienda ha generato importanti sinergie con i produttori locali per valorizzare il territorio, l’arte e cultura culinaria, riuscendo a commercializzare i propri prodotti anche all’estero (in Inghilterra, Irlanda, Belgio, Svizzera, Costarica).

 

I Premi “Papa Awards” e “Quality Food Awards” – anno 2015

A meritare due dei più importanti premi del settore alimentare è stato uno dei prodotti d’eccellenza del Pastificio Gaetarelli, I Tortelloni con brasato di fassona al barolo. I Tortelloni, frutto della ricerca e delle collaborazioni strategiche con consorzi di rilevanza nazionale, come Barolo e Razza Piemontese, hanno vinto in Gran Bretagna il Papa Awards 2015, un riconoscimento riservato ai nuovi prodotti del settore della pasta e della pizza.

Altro importante riconoscimento attribuito ai Tortelloni con brasato di bovino al barolo è stato il Quality Food Awards 2015 importante premio del settore alimentare nel Regno Unito.

I due premi sono una conferma ulteriore dei punti di forza dell’azienda: alta qualità della materia prima; attenzione all’intera filiera e al processo produttivo. Il risultato è un prodotto che arriva all’eccellenza grazie alla sapiente unione tra artigianalità e sviluppo tecnologico.

 

Il Premio “Raccontami impresa” di Banca Ifis – anno 2019

Banca IFIS in partnership con la piattaforma Chorally ha analizzato, dal 1ottobre 2018 al 31 marzo 2019, oltre 550 mila tra azioni (articoli, post, forum, menzioni) e reazioni (commenti, risposte e retweet) sul web, relative a quasi 138 mila autori unici. Il traffico online è stato raccolto e segmentato per 9 settori produttivi, classificando le diverse aspettative di mercato, ovvero: cosa vuole e cerca il consumatore.

Le informazioni qualitative sono quindi state suffragate quantitativamente dall’Ufficio Studi di Banca IFIS, dall’Università Ca’ Foscari e dall’Università di Padova, incrociando i dati di listening e web monitoring con il database del Market Watch PMI che ha analizzato l’ecosistema delle PMI in Italia. Individuate le imprese con le migliori performance di reddito, la più alta propensione a investire e una solida posizione finanziaria, si è “appurato” sul campo con incontri e interviste quali di queste avevano già “fatto propri” i trend emersi dall’analisi di web listening, distinguendosi sul mercato.

Tra le PMI selezionate vi è anche Pastificio Gaetarelli srl: Massimo Gaetarelli, amministratore delegato di Pastificio Gaetarelli, insieme ai fratelli Luca e Claudio ha trasformato il negozio di pasta di Salò, sulle rive bresciane del lago di Garda e fondato dal padre nel 1964, in una PMI da 5 milioni di euro con una variazione positiva dei ricavi nel bilancio 2018 rispetto al 2017 del 40%. La pasta è ancora fatta a mano ma la produzione industriale lean ha permesso di rispondere ai clienti (70% esteri) con offerte reattive e repentini cambi di produzione. Senza modificare il prodotto: il gusto e i sapori rimangono quelli tradizionali del lago di Garda.

 

Il Premio “Imprese Vincenti” di Intesa San Paolo – anno 2019

Il Pastificio Gaetarelli è tra le società vincitrici selezionate da Intesa Sanpaolo nell’ambito del programma “Imprese vincenti” nella categoria food&beverage.

Il programma Imprese Vincenti valorizza i comportamenti eccellenti di quelle aziende del tessuto economico nazionale che, con i loro progetti di sviluppo, contribuiscono maggiormente alla crescita del PIL italiano e al sostegno dei livelli occupazionali.

Una foto storica.

 

Progetti di sviluppo

Nell’ottica di un potenziamento della produzione e dell’ampliamento dello stabilimento aziendale è stata implementata una nuova linea produttiva a sviluppo verticale di ultima generazione, dal punto di vista tecnologico assolutamente avveniristica, al momento unica al mondo. L’impianto è stato sviluppato in collaborazione con il costruttore avvalendosi del know-how di Pastificio Gaetarelli, destinata prevalentemente alla produzione della linea “Specialità”, pasta fresca all’uovo ripiena lavorata a mano.

Parallelamente verrà ampliata l’area adibita a magazzino e alle celle frigorifere: la moderna struttura coperta, adiacente all’attuale stabilimento, sarà totalmente coibentata e refrigerata e sarà caratterizzata da accessi distinti di carico-scarico e pedana idraulica autolivellante.

I nuovi investimenti permetteranno di raddoppiare la capacità produttiva di Pastificio Gaetarelli.

In cantiere vi è anche lo sviluppo di nuovi prodotti, rigorosamente tipici della tradizione bresciana e locale. La linea direttiva che l’azienda sta perseguendo è mirata allo sviluppo di alcune ricette con prodotti tipici e stagionali, riproposti in forma adeguata per soddisfare le esigenze dei potenziali mercati esteri.

Sono inoltre in fase di realizzazione nuovi pack per tutti i canali di vendita e verranno sviluppate confezioni ad hoc per mercato estero.

Come anticipato, la strategia e gli strumenti di comunicazione sono stati rivisti, rinnovati e potenziati, dal sito alle brochure al packaging. A partire da un restyling del logo affiancato da un nuovo claim: “Gaetarelli. Primi in gusto dal 1964”

Dal punto di vista commerciale la politica aziendale prevede lo sviluppo di produzione a marchio privato e cobranding con importanti player nazionali, con l’obiettivo di operare nei mercati esteri per i quali è in atto un ulteriore espansione. E’ stato inserito in organico un export manager ed è prevista una costante partecipazione a fiere di settore. La strategia commerciale è in continua evoluzione facendo leva su strumenti innovativi, quali il web marketing, ma anche puntando a consolidare accordi con operatori specializzati. Un’evoluzione continua, a supporto di una produzione sempre più qualitativa.

Inoltre è in corso un progetto per aprire un ufficio commerciale a Londra, in collaborazione con alcune aziende alimentari complementari.

 

I commenti sono chiusi.