Quella della notte in vela con Itaca nel golfo di Salò

SALO' - Venerdì sera, 5 luglio, il progetto di vela terapia riabilitativa di Itaca dell’ Ail di Brescia farà tappa alla Canottieri Garda per una veleggiata in notturna nel golfo più bello del lago.

Nel gruppo ci saranno pazienti, parenti, amici, volontari, infermieri e medici, tutti ospiti del Sodalizio sportivo gardesano con alla testa il presidente Marco Maroni.

Molti gli skipper e armatori che porteranno le rispettive imbarcazioni, gli stessi animatori del progetto, ed un passato da provetti velisti, come i dottori Giuseppe Rossi (primario di Ematologia al Civile di Brescia) e Giuseppe Navoni (presidente dell’ Ail Brescia). 

Il Circuito di Itaca 2019 era salpato dalla base di Sulzano della Associazione Nautica Sebina.

I volontari del Progetto Itaca.

 

Il progetto è promosso dall’Associazione Italiana contro le Leucemie i Linfomi e il Mieloma Sezione di Brescia con la collaborazione delle Associazioni amiche “Ail Verona”, “Ail Lecco”, “Ail Bergamo”; uscite sul Benaco, sul Sebino, una sul Lario e due sul Ceresio. 

Il progetto si propone di attivare percorsi di approfondimento sulle problematiche della riabilitazione onco-ematologica tesa soprattutto al miglioramento della qualità di vita dei pazienti e dei loro familiari. Itaca rappresenta la meta del viaggio di Ulisse diretto verso la propria patria, ma è anche metafora molto vicina alla realtà che spesso vive chi è affetto da una malattia onco-ematologica.

Come Ulisse, i pazienti si trovano ad affrontare un mare aperto, sconosciuto, pieno di insidie e di luoghi pericolosi. Durante il viaggio incontrano “nuovi territori” (a volte anche temibili!), ma scoprono anche nuove risorse, vicinanze, solidarietà.

Il gruppo Itaca 2018 al Circolo Vela Gargnano.

 

I commenti sono chiusi.