Traffico insostenibile, da Toscolano Maderno una proposta d’incontro tra enti

TOSCOLANO MADERNO - Dall'amministrazione di Toscolano Maderno l'invito a ragionare su interventi infrastrutturali per il medio e lungo periodo. E la richiesta alle amministrazioni locali di fare "fronte comune e compatto".

In questi giorni di “passione” e di estremo disagio dovuti all’intasamento veicolare sulla strada statale 45 bis, l’Amministrazione Comunale di Toscolano Maderno ribadisce tutta la sua «preoccupazione verso un sistema viario ormai divenuto insostenibile per i carichi di traffico a cui è sottoposto. Le opere infrastrutturali più pesanti ed incisive non possano essere ulteriormente rimandate e devono iniziare quanto meno un iter di progettazione per una realizzazione di medio periodo. Su questo tema è decisivo poter innescare un fronte comune e compatto di tutte le amministrazioni locali della Riviera. A tal proposito Toscolano Maderno offre la disponibilità ad ospitare un convegno/dibattito con tutti gli enti comunali e sovracomunali coinvolti, da tenersi magari in autunno».

«Tutta la Riviera dell’Alto Garda Bresciano – sostiene l’Amministrazione toscomadernese in una nota diffusa alla stampa – manifesta sempre più pesanti condizionamenti e limitazioni alle possibilità di sviluppo turistico ed economico causate dalla percorribilità divenuta ormai impraticabile e dagli spostamenti per nulla agevoli. Molte persone e turisti ormai preferiscono evitare i nostri luoghi, vista la difficoltà del loro raggiungimento.

Anche le problematiche relative alla sicurezza, sia in caso di singoli incidenti, ma soprattutto per eventi sfortunati o calamitosi che possono necessitare lo spostamento repentino di una moltitudine di persone, con questa viabilità, comporterebbero conseguenze drammatiche e di impossibile prevenzione.

Per tali motivi si richiamano tutti gli enti superiori, con le rispettive competenze, e le amministrazioni della Riviera che condividono questa situazione di emergenza e disagio, a valutare con la massima urgenza le possibili iniziative volte alla risoluzione definitiva con opere infrastrutturali, ma anche al sollievo immediato con interventi mirati e puntuali.

A tal proposito il Comune di Toscolano Maderno, nell’ambito delle proprie possibilità, e pur trattandosi di una strada di altra gestione e proprietà, comunica di aver predisposto alcune proposte concrete, con progetti di fattibilità tecnica ed economica, riguardanti il tratto viario della S.S. 45 bis che interessa il proprio territorio, e di averle trasmesse nei giorni scorsi ad ANAS, a Regione Lombardia, alla Comunità Montana, e alla Prefettura, richiedendo il parere, l’interessamento e la partecipazione al finanziamento.

Si tratta di interventi volti a minimizzare gli effetti di intralcio sul flusso veicolare principale, causati dalle numerose intersezioni stradali nel centro abitato, e che si concretizzano nella previsione di due rotatorie sugli incroci con viale Ugo Foscolo e con Largo Matteotti al ponte, e con le conseguenti nuove regole di immissione sulla statale dalle strade comprese tra dette nuove rotatorie fino a quella preesistente a Toscolano all’incrocio con viale Marconi. Gli interventi hanno già recepito alcune osservazioni fornite da ANAS in precedenza, a cui erano già stati sottoposti; per questo riteniamo che a questo punto vi si debba dare seguito, e la nostra Amministrazione è disponibile ad un parziale finanziamento diretto.

Per far comprendere la situazione e farla percepire con maggiore efficacia sono stati inoltrati anche filmati con riprese dall’alto, volti ad illustrare la presenza di code e rallentamenti su tutto il tratto della statale sul nostro territorio comunale, sin dalla stagione primaverile.

Siamo consapevoli – continua la nota del Comune di Toscolano Maderno – che tali interventi a carattere locale non possono certo definirsi risolutivi, soprattutto rispetto ai carichi viari di questo periodo estivo, ma rappresentano sicuramente un miglioramento ed un sollievo doverosi anche per garantire condizioni minime di sicurezza, per pedoni e veicoli.

La nostra amministrazione ha anche provveduto ad incaricare uno studio specializzato per la redazione del PGTU (Piano Generale del Traffico Urbano), per poter valutare interventi in tutte le strade di diretta competenza comunale. Anche le forme di mobilità sostenibile concesse dal nostro territorio debbono essere considerate e valorizzate, in un’ottica di adeguatezza con l’ambiente e con lo spirito innovativo necessario per un contesto fragile e complesso come il nostro.

Per parte nostra quindi stiamo facendo tutto il possibile per affrontare questo problema che affligge il territorio gardesano, ma la natura sovralocale del medesimo ci obbliga a richiamare tutti i soggetti coinvolti al medesimo impegno, politico, tecnico e finanziario, nell’interesse della collettività. Sappiamo che su questo tema tutti i cittadini, le imprese e gli operatori condividono le stesse preoccupazioni e le stesse sensibilità».

 

I commenti sono chiusi.