Non bandiere ma carta igienica per dire “no” al depuratore a Gavardo

GAVARDO - Continua la iniziative di sensibilizzazione del Comitato GAIA contro la decisione di collocare a Gavardo il depuratore fognario al servizio dell'Alto Garda bresciano. Domenica 3 passeggiata di protesta: tutti con un rotolo di carta igienica in mano.

Domenica 3 marzo un’iniziativa promossa da chi dice no alla costruzione del mega depuratore del Garda a Gavardo e sul fiume chiese.

“Una pacifica camminata lungo la ciclopedonale della Gavardina -dice il presidente del Comitato GAIA, ing. Filippo Grumi  – per poi passare sotto il ponte della superstrada proseguendo fino al campo in cui si vorrebbe realizzare il depuratore. Si illustrerà il progetto e cosa esso comporta dal punto di vista ambientale, i possibili rischi sanitario e il suo impatto sulla comunità di Gavardo”.
“Poi – continua Grumi – si cingerà il campo in un abbraccio umano costruendo un recinto con le persone presenti a protezione del sito, ognuno con il rotolo di carta igienica in mano, poi ci si sposterà sul fiume Chiese a fare da barriera umana a difesa del fiume sempre con il rotolo in mano, unica vessillo bianco che intendiamo alzare di fronte a chi vuole rovinare il territorio!”.
Nell’occasione si raccoglieranno ancora le firme per la petizione contro la realizzazione del depuratore del Garda a Gavardo.

 

 

I commenti sono chiusi.