Pinocchio alla Fondazione Cominelli

SAN FELICE - Il Fotoclub Moniga in collaborazione con la Fondazione Cominelli, organizza con il patrocinio del Comune di San Felice del Benaco, una mostra evento fotografica dedicata a Pinocchio con le opere del gruppo Effeottoemezzo Artivisive.

La mostra nasce dalla collaborazione tra Fotoclub Moniga ed il Gruppo Ottoemezzo, iniziata con la mostra Omaggio a Fellini nel 2016, con una giornata itinerante per i luoghi di San Felice del Benaco, vivacizzata dal gruppo di figuranti nelle vesti di personaggi Felliniani.

La collaborazione tra i due club si è consolidata negli anni con la partecipazione a Sepolcum organizzata dal gruppo Effeottoemezzo a San Felice sul Panaro, dove tutto il paese si trasforma in un enorme teatro horror a cielo aperto, un’iniziativa che vuole celebrare la vita.

L’evento creato con lo scopo di riportare attenzione sulle terre, che hanno subito la devastazione del terremoto, affinché non si dimentichi.

Fondazione Cominelli 18 Maggio – 09 Giungo 2019

INAUGURAZIONE: Sabato 18 maggio 2019, ore 17.00

ORARI MOSTRA, SABATO/DOMENICA dal 19/05 al 09/06, dalle ore 9.30 alle 12 e dalle 15 alle 19.

 

VENERDI 07 GIUGNO: Serata “A tu per tu con Gabriele Rigon”, ore 20.30

SABATO 08 GIUGNOWorkshop di ritratto con il maestro Gabriele Rigon, dalle ore 8.30 alle ore 19.00

DOMENICA 09 GIUGNOGiornata “PINOCCHIO A SAN FELICE” dalle ore 8.30 alle ore 19.00, i figuranti del gruppo Effeottoemezzo impersoneranno i personaggi della favola di Pinocchio di Collodi, in diversi luoghi del paese, tale evento e` dedicato in particolare ai Fotoclub di zona, ai fotoamatori, e a chiunque desidera scattare delle fotografie.

Location d’interesse: Palazzo Cominelli, Promontorio di San Fermo, Spiaggia Porto di San Felice e Castello di Portese.

Sempre il 09 GIUGNO presso l’ex Monte di Pietà avrà luogo la proiezione del film “Pinocchio” di Walt Disney nella versione restaurata alle ore 15:30. Evento in collaborazione con il Filmfestival del Garda.

 

Qualche notizia sul gruppo fotografico Effe otto e mezzoil gruppo nasce dalla voglia di fare fotografia attivamente, intorno ad un progetto, all’inizio non definito. L’ispirazione iniziale è il surrealismo nelle sue varie forme, ma il motore trainante è il mondo del cinema. Il nome del gruppo nasce unendo un classico termine fotografico come “f/8” al titolo di uno dei film più rappresentativi di Fellini, “8 e mezzo”. Il curatore delle varie attività è Roberto Gatti di San Felice sul Panaro, fotografo di grandi capacità, profondo conoscitore del panorama fotografico italiano e di tanti dei suoi attori principali. Tra i componenti del gruppo non passano inosservati i nomi di Berengo Gardin e Luciano Bovina, i quali hanno partecipato attivamente al loro primo progetto “Omaggio a Fellini”, già presente in mostra in Fondazione Cominelli. Per i loro progetti lavorano con comparse e attori.

 

Qualche notizia sull’autore Gabriele Rigon. Nato nel 1961 oltre ad essere un pilota dell’Esercito, è uno dei più autorevoli fotografi della scena italiana. Cresciuto come fotografo di reportage, da anni si dedica alla fotografia di moda realizzando editoriali pubblicati sulle più autorevoli riviste, sia in Italia che all’estero (da Vogue al New York Times solo per citarne alcune). Osservando le sue opere fotografiche, si assapora una sorta di alchimia: pare che accada qualcosa di magico ove il soggetto, seppur immobile con lo sguardo e con il corpo, tutto ad un tratto pare danzare in un turbinio di movimenti, pronto a raccontarci la sua storia. Proprio in questo istante la fantasia e l’immaginazione prendono il possesso della nostra mente e del nostro sangue, regalando una vita a quelle immagini statiche, conferendone un’identità, un carattere ed un perché al soggetto immobile. Questo è l’invito alla riflessione che ci rivolgono le sue fotografie, un’idea di movimento improvviso che rompe la stasi di una finzione irreale per irrompere nella realtà, un connubio di passione e sensualità che vuol ribellarsi, scoppiare e inebriare lo spettatore.

I commenti sono chiusi.