Piovono pietre sulla SP 38

0

TIGNALE – Questa notte l’auto del 21enne Giacomo Demonti di Tignale per poco non è stata investita da una pioggia di pietre grandi come mele. Domattina SP 38 chiusa dalle 8 alle 14.

«Ho sentito un rumore di roccia che si spacca, e a pochi metri dall’auto ho visto cadere sassi grossi come mele». È andata bene a Giacomo Demonti, 21enne di Tignale, che nella notte tra martedì e mercoledì, poco dopo la mezzanotte, ha rischiato di essere investito da una pioggia di sassi sulla strada verso casa, mentre percorreva a bordo della sua auto la SP 38 che dalla Gardesana sale a Tignale. Lo smottamento si è verificato in località “Caminù”, dopo il bivio per Piovere e appena prima di Oldesio.

«Ho inchiodato – racconta Giacomo – ed ho fatto il 112, che ha girato la chiamata ai Vigili del Fuoco di Salò. Poi, con una torcia elettrica, ho guardato meglio e ho visto un masso di un paio di metri cubi trattenuto dalle reti paramassi».

Se fosse caduto su un’auto in transito sarebbero stati guai seri. Nel corso della notte la strada è stata presidiata dai Vigili del Fuoco, giunti sul posto mezzora dopo la chiamata di Giacomo, che hanno transennato la corsia sulla quale incombe il masso.

Questa mattina lungo la SP 38 si sono visti i tecnici della Provincia, intervenuti per valutare il da farsi. Il blocco trattenuto dalle paramassi (nella foto sopra cerchiato in rosso) sarà rimosso domani mattina, giovedì, quando la SP 38 resterà totalmente chiusa al transito tra il bivio per Piovere e la frazione di Oldesio dalle 8 alle 14.

Rimosso il masso e ripristinata la funzionalità delle reti paramassi tutto dovrebbe tornare alla normalità

Veduta della SP 38 in località "Caminù", tra il bivio per Piovere e Oldesio.
Veduta della SP 38 in località “Caminù”, tra il bivio per Piovere e Oldesio.

Lascia una risposta