Lavoravano in nero e prendevano il sussidio di disoccupazione

BARDOLINO – La Guardia di Finanza di Bardolino ha individuato 20 lavoratori in nero e 19 irregolari nei locali del Garda veronese. Alcuni lavoravano e percepivano il sussidio di disoccupazione.

Blitz della Guardia di Finanza nei locali del Garda nell’ambito dei servizi mirati al contrasto del fenomeno del lavoro nero.

Le Fiamme Gialle hanno eseguito tre interventi in contemporanea in altrettanti esercizi commerciali di Bardolino, tra bar e ristoranti, facenti capo a due società riconducibili ad un medesimo soggetto.

I controlli hanno consentito di individuare inizialmente 20 lavoratori non in regola di nazionalità italiana e straniera, impiegati come baristi, camerieri e cuochi.

Successive indagini dei finanzieri hanno portato ad individuare altri 19 lavoratori irregolari, che di fatto prestavano molte più ore di lavoro rispetto a quelle dichiarate sui contratti di assunzione.

Non è tutto. Alcuni dei lavoratori irregolari percepivano indebitamente l’assegno di disoccupazione (Naspi) visto che non avevano comunica to all’Inps l’inizio del nuovo impiego.

Sono inoltre stati rilevati illeciti amministrativi nei confronti delle due società che risultano aver impiegato i lavoratori in nero e irregolari ed è stato disposto il recupero degli ammortizzatori sociali indebitamente percepiti da alcuni lavoratori.

 

I commenti sono chiusi.