D’Annunzio e i musicisti

SALO' - Venerdì 23 novembre alle 20.30, presso la Sala dei Provveditori del Municipio di Salò, si terrà la presentazione del volume di Adriano Bassi "Caro Maestro. D’Annunzio e i musicisti".

Condurrà il presidente dell’Ateneo di Salò, Elena Ledda; sarà presente l’autore.

L’ iniziativa è promossa dall’Ateneo di Salò, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura della Città e della fondazione “Il Vittoriale degli Italiani”, per ricordare Gabriele d’Annunzio, che fu socio onorario dell’Accademia salodiana, nell’80° anniversario della sua morte.

Leggiamo nella prefazione di Giampaolo Rugarli: “La raccolta proposta da Adriano Bassi comprende il corpus, presumibilmente integrale, delle lettere che, nell’arco di venticinque anni, Gian Francesco Malipiero, Giacomo Puccini e Alfredo Casella indirizzarono a D’Annunzio. Le risposte di D’Annunzio (quando furono scritte) mancano, salvo pochi casi: pertanto la silloge qui proposta è intitolata D’Annunzio e i musicisti con qualche ambiguità. Di fatto il Lettore vi reperirà la testimonianza epistolare di Malipiero, di Puccini e di Casella: è già molto, ove si consideri che si tratta di una testimonianza inedita e si rammenti che la tematica in discussione è quasi inesplorata”.

Adriano Bassi, nato a Milano, concertista di pianoforte, direttore d’orchestra e musicologo, è autore di numerosi libri di argomento musicale e storico, tra cui la Guida alle compositrici dal Rinascimento ai giorni nostri e La Musica e il gesto. La storia dell’orchestra e la figura del direttore con prefazione di Carlo Maria Giulini. Scrive su numerose riviste, fra le quali Nuova Antologia fondata da Benedetto Croce, e tiene regolarmente conferenze di argomento musicologico, storico e filosofico.

Ha inciso in qualità di direttore numerosi LP e CD tra i quali il Requiem di W. A. Mozart.
Dirige varie orchestre tra le quali la “Ludwig van Beethoven”, ed ha tenuto numerosi concerti in Italia e all’estero. Già collaboratore del Teatro alla Scala, è Consigliere della società “Dante Alighieri” di Milano e collabora in veste di musicologo con la RAI e con la Radio Vaticana.

Nella foto in alto: Gabriele d’Annunzio e Alberto Franchetti al pianoforte, 1906.

 

I commenti sono chiusi.