Vandalizzato il monumento a Sergio Bresciani. Caccia al writer a Salò

SALO' - Contro ogni codice in vigore tra i graffittari, che generalmente risparmiano i monumenti, a Salò è stato preso di mira il monumento a Sergio Bresciani. Fototrappole e controlli per beccare i colpevoli.

È caccia al writer a Salò. Nel mirino del graffittaro che imperversa nella cittadina gardesana è finito anche il monumento a Sergio Bresciani, salodiano morto 16enne a El Alamein, nel 1942, la più giovane Medaglia d’Oro al Valor Militare (leggi qui la sua storia).

La firma del writer, il suo «tag» come si dice in gergo, è stata inviata al Nucleo anti-graffiti della Locale di Milano, un’autorità in materia, per cercare riscontri nei database. Gli agenti della Locale di Salò intensificheranno i controlli, utilizzando apposite foto-trappole.

Il monumento è già stato ripulito.

Il monumento a Sergio Bresciani durante l’intervento di pulizia.

 

I commenti sono chiusi.