Espulso nel 2015 e rientrato illegalmente, albanese arrestato a Desenzano

DESENZANO - Le ultime operazioni del Commissariato di Desenzano del Garda: albanese beccato in Italia dopo essere espulso, sud americano fermato con marijuana e hashish, rumeno trovato con arnesi atti allo scasso.

Un cittadino dell’Uruguay di 23 anni, residente a Rezzato (BS), durante un controllo in orario notturno in via Michelangelo a Desenzano è stato trovato in possesso di una ventina di dosi di marijuana e hashish, nascoste nel baule dell’auto. Il 23enne, incensurato ed in regola con il permesso di soggiorno, risulta indagato.

Un uomo di nazionalità albanese di 33 anni, in Italia senza fissa dimora, è stato fermato in via Cavour: nel successivo controllo  è stato trovato, occultato sotto la leva del cambio, un cacciavite di notevoli dimensioni. L’uomo è stato indagato per possesso di arnesi atti allo scasso. Si ritiene che fosse in procinto di commettere furti a bordo di veicoli lì in sosta.

Un altro albanese di 32 anni, irregolare, è stato sottoposto a un controllo presso la stazione ferroviaria. Si accertava che dopo essere stato espulso ed accompagnato alla frontiera nel marzo del 2015, aveva successivamente fatto rientro illegalmente in Italia. Per lui è scattato l’arresto. È stato affidato all’Ufficio Immigrazione della Questura di Brescia.

Il cacciavite e la sostanza stupefacente sequestrata.

 

 

 

I commenti sono chiusi.