In bonifica l’incendio a Tremosine, ma ora brucia il bosco a Tignale

ALTO GARDA BRESCIANO - Mentre a Tremosine l'incendio è in bonifica, anche se in mattinata ci sono state alcune prevedibili riprese dei focolai, si apre un altro fronte, sui monti di Tignale. In questo caso si parla di incendio doloso.

L’incendio boschivo a Tremosine, sviluppatosi nella giornata di giovedì 16, è attualmente in bonifica, anche se nella mattinata di oggi, domenica 19, ci sono state alcune riprese di focolai.

Di seguito la situazione della superficie bruciata, dei mezzi e uomini impiegati nella mattinata odierna comunicata dalla Sala Operativa della Protezione Civile di Regione Lombardia

– 2 elicotteri regionali  (uno di questi al momento impiegato su Tignale);

– 2 Canadair (uno di questi al momento impiegato su Tignale);

– 28 Volontari AIB (Parco Alto Garda Bresciano, CM Valsabbia, Prov.BS e ANA)  ;

– 10 VVF;

– Superficie bruciata complessiva 90/95 ettari di coniferato.

Come detto, se a Tremosine, la situazione è tenuta sotto controllo, si è aperto un nuovo fronte del fuoco a Tignale. Se a Tremosine l’incendio è stato provocato da un focolaio creato giorni prima da un fulmine, a Tignale tutto fa supporre che possa trattarsi di un incendio doloso.

Nella notte passata alcuni volontari AIB del Parco Alto Garda Bresciano hanno segnalato alla Sala Operativa Regionale alcuni focolai nel comune di Tignale. Nel corso della mattina il Dos di Tremosine (Morzenti – ANA) ha dirottato su questo incendio alcuni volontari (1 squadra VVF e 2 squadre AIB ANA), 1 elicottero regionale e 1 Canadair che stavano operando sull’incendio di Tremosine.​

Vigili del Fuoco durante le operazioni di bonifica nei boschi di Tremosine.

 

I commenti sono chiusi.