Cambiamenti climatici, fragilità e resilienza del sistema economico gardesano

PUEGNAGO - Dal 2006 la temperatura del lago di Garda si è alzata di un grado. Può sembrare una piccolezza ma gli esperti ci dicono che questo provoca cambiamenti con inevitabili problemi. Ne abbiamo consapevolezza? Se ne parla questa sera a Puegnago.

Il lago di Garda offre infiniti spunti per vivere un turismo sostenibile lontano dalle masse, ma prima ancora di parlare di turismo sostenibile dobbiamo essere in grado di avere un territorio sostenibile e oggi, se non ci attiviamo verso una direzione chiara e nitida, corriamo il serio rischio di rompere quel fragile equilibrio che genera il sistema economico gardesano.

Dal 2006 la temperatura del lago di Garda si è alzata di un grado (leggi qui); può sembrare una piccolezza ma gli esperti ci dicono che questo provoca cambiamenti con inevitabili problemi. E’ necessario che le comunità locali abbiano una consapevolezza dei potenziali rischi verso cui stiamo andando incontro e di ciò possono darcene notizia solo coloro che studiano questo fenomeno; è importante che tutti si attivino in modo resiliente, i cittadini con comportamenti utili al contenimento del surriscaldamento e gli Enti locali con la pianificazione urgente di opere per la messa a norma di reti fognarie e sistemi di depurazione sostenibili, per la salvaguardia di tutto il sistema lacustre e il rafforzamento del nostro sistema economico che deve obbligatoriamente perseguire la strada della sostenibilità, non c’è più tempo; ognuno deve fare la sua parte rispettando le singole persone e le singole comunità locali.

L’associazione di operatori culturali L.A.CU.S. da anni sta operando in questa direzione e oltre ad aver attivato percorsi di formazione per professionisti e cittadini, aver creato l’Alleanza di associazioni per lo sviluppo sostenibile del lago di Garda, si sta adoperando attraverso il volontariato e la rete di connessioni creata a partire dal 2001, per organizzare per il terzo anno consecutivo il Festival interregionale della Sostenibilità sul Garda dal 01 al 30 aprile 2019.

Intanto, martedì 12 marzo propone con la collaborazione dell’Università degli Studi di Brescia e il patrocinio del comune di Puegnago del Garda, un seminario per riflettere e far riflettere sulle tematiche che in questi anni stanno cambiando il nostro modo di vivere e stanno influendo notevolmente anche sull’economia locale, sia turistica che agroalimentare.

Il 12 Marzo alle ore 20.30 il prof. Carmine Trecroci, coordinatore di UNIBS Sostenibile, dell’Università degli Studi di Brescia, ne parlerà presso la sala consiliare del Comune di Puegnago del Garda; tutta la comunità gardesana è invitata, la partecipazione è libera.

I commenti sono chiusi.