Carlo veronese lascia il Consorzio Lugana. Dirigerà l’Oltrepò Pavese

LAGO DI GARDA - Carlo Veronese, storico direttore del Consorzio di Tutela del Lugana, lascia il Garda per una nuova avventura professionale. Sarà il direttore del Consorzio di Tutela Vini dell’Oltrepò Pavese.

L’annuncio sulla pagina Facebook del Consorzio Lugana: «La foto (è quella che vedete qui sopra, ndr) è un po’ datata, ma rappresenta al meglio la passione e la dedizione che hai trasmesso per il territorio del Lugana. Ti ringraziamo Carlo Veronese per il lavoro svolto in questi ultimi 13 anni e ti auguriamo tutto il meglio per il tuo futuro professionale».

Per il Consorzio è dunque un periodo di grandi cambiamenti. Nel mese di marzo c’era stata l’elezione del nuovo presidente, Ettore Nicoletto (ne avevamo scritto qui). Ora il cambio del direttore.

Carlo Veronese ha accompagnato il Lugana in anni cruciali per la crescita della Doc.

«Indubbio che nel corso della sua direzione -ha scritto il giornalista – Carlos MacAdden sul Corriere della Sera – il mondo del Lugana abbia vissuto diverse trasformazioni. Dal coinvolgimento d’importanti realtà imbottigliatrici che ha in gran parte risolto il problema della sovrapproduzione, a un cambiamento dello stile da un gusto più mediterraneo fatto di gradazione alcolica, poco naso, a uno più mitteleuropeo con meno alcol, più profumi. Capace di conquistare mercati esteri come quello tedesco. Senza scordare la promozione degli ultimi 5-6 anni nel non facile mercato statunitense. Lo attende ora un territorio dalle notevoli caratteristiche sia climatiche che di composizione geologica, di grande potenzialità enoturistica».

«L’Oltrepò, a forma di grappolo d’uva – si legge sul sito del Consorzio di Tutela Vini dell’Oltrepò Pavese –  è patria della vitivinicoltura italiana con 13.500 ettari di vigneti. In Oltrepò operano 1700 aziende vitivinicole, perlopiù medio-piccole a conduzione familiare. Sulle colline d’Oltrepò si produce il 62% del vino della Lombardia. E’ la capitale italiana del Pinot nero, del Riesling e della Croatina.

 

 

I commenti sono chiusi.