Le vele del Garda vanno a scuola

DESENZANO - “Vela tra i banchi di scuola” è un progetto nato grazie al Ministero della Pubblica Istruzione e al Comitato XIV Zona di Federvela, l'area del lago di Garda. Capofila è il Liceo Bagatta di Desenzano, grazie alla disponibilità del Dirigente scolastico Francesco Mulas.

Oltre al prestigioso Istituto desenzanese, che ha avuto tra i suoi docenti (in verità Commissario d’ esami alla Maturità) anche il poeta Giosuè Carducci, ci sono altre scuole delle rive benacensi come il Liceo Fermi di Salò.

Il progetto prevede il coinvolgimento di una rete di 40 scuole secondarie di Primo grado, dislocate in tutta l’Italia.

L’iniziativa vede presente un Club Velico e almeno un Istruttore Federale per ogni classe (o gruppo classe di 20/25 allievi per scuola). Nato da un’ idea del presidente della XIV Zona Rodolfo Bergamaschi, ha iniziato a muovere i primi passi in questo anno scolastico, ma la situazione sanitaria con le restrizioni relative al Covid vedranno la serie di lezioni, le interviste, e gli interventi a scuola e presso i Circolo Velici proseguire fino all’inizio del prossimo anno scolastico.

Il presidente della XIV Zona Rodolfo Bergamaschi.

Il lavoro, che in alcune aree d’Italia ha già avuto inizio il mese scorso, prevede 8 ore di formazione teorica a distanza sullo sport della vela (4 lezioni da 2 ore); 12 ore di formazione teorico-pratica (4 lezioni da 3 ore presso il Circolo abbinato alla Scuola).

Le attività teorico-pratiche potranno essere realizzate su qualsiasi tipologia di barca, purché ovviamente coerente con gli obiettivi. Da ricordare  che le scuole di Vela, quelle nei Club di tutta Italia, avranno inizio a metà giugno. La speranza che l’emergenza Covid non penalizzi troppo le presenze che, lo scorso anno, nonostante regole molto rigide, hanno fatto registrare numeri da record.

 

I commenti sono chiusi.