Dalle superiori alla laurea, FEM inaugura la filiera formativa viticolo-enologica

SAN MICHELE ALL'ADIGE - Mercoledì 7 la Fondazione Mach mette in vetrina tutte le opportunità formative nell’ambito della viticoltura e dell’enologia, festeggiando l’inizio dei corsi scolastici e universitari 2018/2019 con la lectio magistralis del prof. Stefano Mancuso.

Dall’articolazione viticolo-enologica della scuola superiore al corso di laurea in Viticoltura ed Enologia del Centro Agricoltura Alimenti Ambiente (C3A) con l’Università di Trento, passando per il corso post-diploma per enotecnico e la formazione professionale.

Mercoledì 7 novembre, dalle ore 15, in aula magna, la Fondazione Edmund Mach mette in vetrina tutte le opportunità formative nell’ambito della viticoltura e dell’enologia, festeggiando l’inizio dei corsi scolastici e universitari 2018/2019 con un ospite d’eccezione: Stefano Mancuso, professore ordinario al Dipartimento di Scienze delle Produzioni Agroalimentari e dell’Ambiente dell’Università di Firenze, dove ha fondato e dirige il Laboratorio Internazionale di Neurobiologia Vegetale.

A seguire sarà inaugurata la nuova cantina didattica.

Ad aprire l’evento, alle 15, sarà il presidente della Fondazione Mach, Andrea Segrè, con il rettore dell’Università degli studi di Trento, Paolo Collini, il dirigente del Centro Istruzione e Formazione, Marco Dal Rì, e la direttrice del Centro Agricoltura Alimenti Ambiente, Ilaria Pertot.

Alle ore 15.30 Stefano Mancuso incontrerà gli studenti dell’Istituto tecnico agrario e quelli del corso di laurea in Viticoltura ed Enologia durante una lectio magistralis intitolata “Il pianeta delle piante”.
Al termine della lectio magistralis, alle 16.30, verrà inaugurata la nuova cantina didattica situata di fronte al Palazzo della Ricerca e delle Conoscenza, riservata agli studenti della scuola superiore.

 

I commenti sono chiusi.