Filmfestival del Garda, gli appuntamenti di sabato

VESTONE - Filmfestival del Garda, giorno 7. Sabato 1 giugno, penultimo giorno del festival, due film in concorso: "La città che cura" e "Të Thyer – Broken" al Cinema di Vestone. Matineé con Francesco Bruni per le scuole valsabbine aperto al pubblico.

Nel penultimo giorno del Filmfestival del Garda, dopo la trasferta in città, il programma inizierà presto: sabato 1 giugno alle ore 8.30 si terrà uno speciale incontro con lo sceneggiatore e regista Francesco Bruni, ospite d’onore del festival, che interverrà al Cinema di Vestone in occasione della proiezione mattutina di Tutto quello che vuoi dedicata alle scuole valsabbine, ma aperta al pubblico e a ingresso gratuito fino a esaurimento dei posti disponibili.

La serata sarà invece tutta dedicata agli ultimi due film in concorso: alle ore 18,00 La città che cura di Erika Rossi, documentario ambientato a Trieste, che racconta una periferia come tante, in cui la solitudine e le difficoltà rendono la vita più difficile. Grazie al progetto di salute pubblica presente nel quartiere i protagonisti si aprono nuove opportunità, nuovi scenari di vita in cui mettersi in gioco, perché “curare” significa creare relazioni, conoscere le persone e i loro bisogni, stare insieme e condividere i problemi di ogni giorno. Alle ore 21, Të Thyer – Broken (Spezzati) del regista albanese Edmond Budina: il protagonista è Jani, che dopo aver scontato una lunga pena ad Ancona, ritorna sessantenne nel suo paese d’origine, l’Albania, che ritrova stravolta e dove incontra il figlio che, durante tutti gli anni di prigionia, non ha mai cercato di mettersi in contatto con lui. A entrambe le proiezioni saranno presenti gli autori per dialogare con il pubblico del Cinema di Vestone.

Domenica mattina si conosceranno i vincitori del concorso internazionale a cui verrà conferito il Premio miglior Lungometraggio Città di San Felice, assegnato dal pubblico e dedicato al Cav. Attilio Camozzi e il Premio della critica cinematografica dedicato a Giovanni Turolla, assegnato da una giuria d’eccezione composta da Vincenzo Beschi (Avisco), dal giornalista Paolo Fossati (Giornale di Brescia) e dal regista Elia Mouatamid (vincitore dell’XI edizione del Filmfestival del Garda).

 

INFORMAZIONI

Location: Cinema di Vestone – Auditorium “Mario Rigoni Stern”, Via F. Glisenti 23, Vestone – Bs

Orario proiezioni: ore 8,30 (Tutto quello che vuoi), ore 18 (La città che cura), ore 21 (Të Thyer – Broken)

Biglietto: 5 €

La proiezione di Tutto quello che vuoi è a ingresso gratuito fino a esaurimento dei posti disponibili.

I biglietti sono in vendita nel luogo di proiezione.

 

SINOSSI

TUTTO QUELLO CHE VUOI di Francesco Bruni – Italia 2017, Commedia, 106’

Alessandro ha 22 anni ed è un trasteverino ignorante e turbolento; Giorgio di anni ne ha 85 ed è un poeta dimenticato. I due vivono a pochi passi l’uno dall’altro ma non si sono mai incontrati, finché Alessandro accetta suo malgrado un lavoro come accompagnatore, di quell’elegante signore, in passeggiate pomeridiane. Col passare dei giorni dalla mente un po’ smarrita dell’anziano poeta e dai suoi versi, affiora progressivamente un ricordo del passato più lontano, traccia per una vera e propria caccia al tesoro. Alessandro si avventurerà insieme a Giorgio in un viaggio alla scoperta di quella ricchezza nascosta e di quella celata nel suo stesso cuore.

Link: Tutto quello che vuoi

 

FFG Concorso

LA CITTÀ CHE CURA di Erika Rossi – Italia 2019, Documentario, 89’

L’accesso alla salute non è uguale per tutti e le condizioni di vita influenzano la reale possibilità che una persona ha di curarsi e guarire. Nei quartieri alla periferia di Trieste, un modello di salute innovativo ripensa la “cura” fuori dagli standard istituzionali, riportando L’attenzione sulla vita delle persone, senza vederle solo attraverso la lente della malattia.

Il film racconta una periferia come tante, in cui la solitudine e le difficoltà rendono la vita più difficile: Plinio, un anziano pianista ipocondriaco, non vuole più uscire di casa, Roberto affronta la fatica di vivere dopo un grave ictus, Maurizio paga lo scotto di una vita di eccessi. Grazie al progetto di salute pubblica presente nel quartiere per Plinio, Roberto e Maurizio si aprono nuove opportunità, nuovi scenari di vita in cui mettersi nuovamente in gioco, perchè “curare” significa creare relazioni, conoscere le persone e i loro bisogni, stare insieme e condividere i problemi di ogni giorno

Link: La città che cura

 

FFG Concorso

TË THYER – BROKEN di Edmond Budina – Albania, Italia, Macedonia 2017, Drammatico, 97’

Jani, dopo aver scontato una lunga pena ad Ancona, ritorna sessantenne nel suo paese d’origine, l’Albania, che ritrova stravolta e dove incontra il figlio che, durante tutti gli anni di prigionia, non ha mai cercato di mettersi in contatto con lui. Andi, il figlio, è diventato nel frattempo uno dei politici più corrotti e potenti d’Albania e gestisce un miliardario traffico di rifiuti tossici provenienti dall’estero. Tanti anni di sofferenza in un carcere italiano sono nulla di fronte all’ingratitudine delle persone più care, che si trasformano quando si tratta di salvaguardare il profitto e i propri interessi.

Link: BROKEN

Dal film TË THYER – BROKEN di Edmond Budina

 

I commenti sono chiusi.