Il cso Zanzanù sgomberato nella notte

0

DESENZANO – Alle 4 di questa notte le forze dell’ordine hanno fatto irruzione nel centro sociale occupato Zanzanù. L’edificio dell’ex ristorante Spiaggia d’oro è stato sgomberato.

«La repressione – scrivono sulla loro pagina Facebook i rappresentanti del Collettivo Gardesano Autonomo –  sta colpendo ora i compagni e le compagne del CSO Zanzanù. Zanzanù è ora sotto sgombero, chi può venga immediatamente al parcheggio di Zanzanù. Non ci fermerete, lo abbiamo promesso».

I ragazzi del Collettivo Gardesano Autonomo avevano occupato l’ex ristorante Spiaggia d’oro, situato a Rivoltella, lo scorso dicembre, rivendicando la necessità di spazi pubblici.

Rivendicazione condivisibile, aveva fatto sapere l’Amministrazione comunale tramite un lettera aperta ai ragazzi di Zanzanù  del consigliere con delega alle politiche giovanili Stefano Terzi, ma macchiata da un peccato originale, l’illegalità dell’occupazione.

Ora, dopo 40 giorni di occupazione (e polemiche) sono arrivate le forze dell’ordine. Il blitz è scattato alle 4.10 di questa notte, quando nel Cso Zanzanù si trovavano sei persone. L’operazione si è svolta senza reazioni e resistenza degli occupanti.

Una delle sei persone che si trovano nel centro sociale occupato sarebbe in stato di fermo. Si tratta di Alessandro del Collettivo Gardesano Autonomo e redattore di Radio Onda d’urto (www.radiondadurto.org).

Sono contestati i reati di danneggiamento e furto.

Aggiornamento ore 12: Il presidio che si era formato fuori da Zanzanù si è trasformato in un corteo (foto sopra) diretto alla caserma dei Carabinieri dove è ancora trattenuto Alessandro, uno dei fermati durante lo sgombero. 

zanzanù-sgombero
L’ingresso del parco in via Zamboni questa mattina, dopo lo sgombero (foto tratta dal sito www.radiondadurto.org.

Lascia una risposta