Salò denigrata su OnTv dopo la partita con la Ternana. L’assessore scrive al collega di Terni

SALO' - Dopo la partita della Feralpisalò contro la Ternana volano parole pesanti su una tv locale umbra: "Salò piazza pietosa con un pubblico di ubriachi e bestemmiatori". La replica dell'assessore salodiano allo sport Aldo Silvestri.  

Riportiamo integralmente il testo della lettera inviata dall’assessore allo sport del Comune di Salò, Aldo Silvestri, all’assessore dello Sport del Comune di Terni, Elena Proietti, a seguito dei contenuti emersi durante la trasmissione televisiva “Che calcio vuoi?!” in onda su Ontv TR.

Conduttori e ospiti hanno parlato di Salò definendola  “piazza pietosa con una squadra altrettanto pietosa“. Parole offensive anche nei confronti dello stadio e della tifoseria della Feralpisalò: “C’erano 15-16 spettatori, di cui metà ubriachi e l’altra metà bestemmiatori“.

 

La replica di Silvestri.

“Le scrivo per rammaricarmi non direttamente con Lei, che forse non è nemmeno al corrente dei fatti che andrò a presentarLe, ma per delle affermazioni non simpatiche, di un suo concittadino ad una Vostra TV locale “ONTV” inerente la partita tra la Feralpi-Salò e la Ternana dello scorso 22 gennaio 2019, che oltre a non essere di carattere sportivo risultano denigratorie nei confronti della mia Città.

Il signore che leggo dal suo profilo Facebook (se veritiero) risulta essere anche un Vostro dipendente Comunale ha continuato nel corso dell’intervista a fare delle affermazioni offensive sulla mia città e sulla struttura comunale ovvero lo stadio dove la nostra squadra di calcio gioca.

Salò è una Città di 10.350 abitanti circa, una Città con una storia che parte dall’epoca veneziana per arrivare, che piaccia o no, a quella più recente della RSI. Predetto che la storia è sempre storia qualsiasi sia la provenienza ed i fatti accaduti, la nostra Città è una grande meta turistica.

Non solo per la storia, ma anche per la sua collocazione sulle rive del più grande lago d’Italia “il Lago di Garda” e soprattutto per la cultura, Salò ha aperto da due anni un importante Museo Mu.Sa. che registra un notevole afflusso di visitatori grazie al direttore come Giordano Bruno Guerri (Direttore anche del Vittoriale degli Italiani) e del curatore delle nostre mostre il Professor Vittorio Sgarbi.

Salò è conosciuto anche come polo sportivo di tutto rispetto, con uno stadio con capienza di 3000 posti a sedere e un campo sintetico a norma Nazionale per campionati a undici giocatori fino a categorie professionali di ultima generazione, nel contesto del polo si trova una pista di atletica omologata e appena rifatta per gare internazionali, il tutto all’interno di una piccola cittadella dello sport che contiene altre discipline sportive, tennis, piscine, palestre, bocciodromo, sede di scherma, skatepark in allestimento, che per una città piccola come la nostra è un fiore all’occhiello. A sottolineare l’importanza delle strutture presenti in Salò la nostra Città è stata insignita come “Città dello Sport” dall’Unione Europea.

Nel nostro piccolo abbiamo campioni di judo, karate, vela e di canotaggio che ci hanno dato l’onore di aver vinto anche medaglie d’oro, d’argento e bronzo, sia nelle discipline olimpioniche che in gare di campionati Mondiali; la squadra Beretti della Feralpi Salò che lo scorso anno ha vinto il campionato Nazionale giovanile, in competizione con squadre di Città molto più grandi di noi e … molto altro mi creda.

La invito a perdere qualche minuto e guardare questo link e sentire cosa dice questo signore “Gigi Manini” in questa trasmissione, che credo che non abbia nulla a che fare con lo sport, perché chi frequenta stadi di grandi squadre o di piccole realtà, sente e vede situazioni che all’interno di uno stadio possono essere (anche se non condivise) fuori luogo, ma che di sicuro non devono essere da disprezzo per un’intera Città.

I nostri sostenitori vivono la partita della propria squadra in modo genuino come penso la vivano i tifosi della Vs. squadra locale. L’anno scorso la nostra squadra ha vinto nella stessa categoria di quest’anno il Premio Federale del Far play che comprende anche, oltre al comportamento in campo, anche quello sugli spalti.
Mai a Salò sono successi fatti all’interno e all’esterno dello stadio di violenza, anzi i tifosi di grandi città vengono e visitano la nostra bella cittadina, pranzano o cenano e interagiscono con i nostri cittadini e i nostri tifosi, ritornando spesso a rivisitarci con amici e parenti.

La partita di calcio a Salò, di questo sono molto lusingato, è diventata un momento anche per le tifoserie più accese di visitare un luogo con la sua storia e la sua bellezza, con tranquillità e serenità. Mi scuso per averle fatto perdere del tempo prezioso, ma amando la mia Città come Lei amerà sicuramente la Sua, credo che almeno tra Amministratori che sanno quanto lavorano per essere sopra le parti e cercare in questo periodo difficile per chi si cimenta a fare il Sindaco o l’Assessore per le difficoltà di tutti i giorni, essere cosciente che l’aggregazione e l’amicizia sia un sintomo di educazione civica.
InvitandoLa a venire a Salò, Le porgo i miei cordiali Saluti. L’assessore allo sport e associazioni del Comune di Salò, Aldo Silvestri.

Alle dichiarazioni del commentatore di Terni ha risposto anche la società Feralpisalò. Leggi qui.

 

I commenti sono chiusi.