Ascensore per il Bastione, al via i lavori

RIVA DEL GARDA - Conto alla rovescia per l’inizio dei lavori di realizzazione dell’ascensore inclinato del Bastione veneziano della Rocchetta, uno dei simboli di Riva del Garda.

Lunedì 18 febbraio 2019. E’ la data ufficiale di inizio lavori per la realizzazione dell’ascensore inclinato che porterà fino al Bastione, con partenza dal lungolago di Riva. Se ne parla da anni, forse decenni.  

Il progetto prevede la realizzazione di un ascensore panoramico inclinato totalmente automatico ad uso pubblico, a collegamento del centro storico di Riva del Garda con il Bastione veneziano. 

Si tratta di un impianto meccanico che riprende la logica della seggiovia realizzata negli anni ’50, smantellata all’inizio degli anni ’80. 

 

 

Per contenere al massimo l’impatto paesaggistico della nuova infrastruttura si è cercato di adeguare il posizionamento delle vie di corsa al profilo esistente, mantenendo la base di scorrimento dell’ascensore il più possibile vicino a terra.

Per l’accesso dei visitatori a valle si mantengono le scalinate e i muri in pietra di epoca maroniana. La stazione sarà realizzata attraverso una riorganizzazione dei volumi esistenti in un fabbricato unico con tipologia ipogea, posto su nuovo sedime nel rispetto dell’allineamento dei terrazzamenti originari.

Per quanto riguarda la stazione a monte si è ritenuto opportuno inserire lo sbarco dell’ascensore al piano inferiore del ristorante, nascosto rispetto al piazzale panoramico davanti alla torre.

Oggi il Bastione può essere raggiunto solo attraverso un sentiero pedonale con tempi di percorrenza di circa 30 minuti, mentre la nuova proposta di mobilità alternativa garantirà l’accessibilità in circa due minuti di corsa, con una vista panoramica a lago importante per il contesto turistico ricettivo del comune di Riva del Garda e di tutta la comunità gardesana.

La planimetria dell’area. 

 

Si calcola a regime che su quell’ascensore saliranno una media di 400 – 500 persone al giorno, per una media annua tra i 150 mila e i 200 mila passaggi.

La gestione dell’ascensore non richiede personale, ma sarà automatizzata. Per quanto riguarda il bar-ristorante del bastione, chiuso dall’ottobre scorso, l’intenzione della proprietà (Lido Immobiliare spa) è di effettuare un intervento di restilyng contestualmente ai lavori per l’ascensore.

Costo dell’opera? attorno ai 2 milioni e mezzo.

Il Bastione di pietra grigia, sulle falde del monte Rocchetta, è uno dei simboli di Riva del Garda.

 

Il Bastione di pietra grigia, posto sulle falde del monte Rocchetta, è uno dei simboli di Riva del Garda, a dominio della città e del lago.

Costruito all’inizio del XVI secolo, quando era appena terminata la dominazione veneziana di Riva, per garantire una maggior sicurezza al borgo sottostante e ai suoi abitanti, venne distrutto nel 1703 dalle truppe francesi guidate dal generale Vendome che ne minarono il corpo centrale rendendo il fortilizio inutilizzabile.

E’ raggiungibile senza difficoltà con una strada che sale fra la vegetazione fino a circa duecento metri di quota. Un sentiero più impervio porta poi alla chiesa di Santa Barbara (610 m) e alle cime più alte della Rocchetta (1520 m).

Il Bastione con i secoli ha perso l’originaria funzione militare ma, anche grazie ai recenti restauri, ha conservato il suo fascino severo. E’ stato recentemente sottoposto ad un restauro conservativo, seguito dalla Sovrintendenza per i Beni Architettonici della Provincia Autonoma di Trento. L’allestimento di un punto informativo nei locali attigui documenta le scoperte e il lavoro svolto.

Chi lo visita può ammirare la massiccia struttura esterna e quanto rimane dell’interno. Non meno interessanti la vista sulla città sottostante e il magnifico panorama dell’Alto Garda.

 

I commenti sono chiusi.