Senso unico sulla Gardesana, protesta il sindaco di Tignale

TIGNALE – Il sindaco di Tignale, Franco Negri, scrive all’Anas per esprimere malcontento per l’istituzione di un senso unico alternato tra Tignale e Gargnano: "I pendolari sono esasperati".

Ecco la lettera del sindaco Negri.

«Con la presente sono ad esprimere il mio malcontento per l’istituzione del senso unico alternato che regola l’afflusso del traffico nelle gallerie tra Tignale e Gargnano.

Da venerdì, probabilmente a causa del malfunzionamento del semaforo “intelligente”, è stato istituito un senso unico alternato, con tempi d’attesa di parecchi minuti.

È vero che questo periodo è da considerarsi di bassa stagione, ma, pur sapendo di ripetermi, credo che sia doveroso ricordare che tale tratto di strada presenta problematiche in qualsiasi periodo dell’anno.

Questa mattina (martedì 7 maggio, ndr), a titolo esemplificativo ricordo che la coda in direzione sud-nord era ben oltre il semaforo di Muslone ed è davvero esasperante per i pendolari dover accettare quotidianamente tale situazione.

Già questa settimana la popolazione sta tollerando lavori notturni che hanno determinato una chiusura totale del tratto dalle 23 alle 5 (leggi qui), con la speranza che forse un giorno la tanto agognata galleria potrà “vedere la luce”, ma è necessario non esasperare la gente e ritengo che sia oltremodo necessario evitare quest’ultimo disagio.

Confido quindi nella vostra collaborazione affinché possa essere ripristinato nella sua piena funzionalità e il prima possibile il semaforo “intelligente”, ribadendo che il senso unico alternato non può essere una valida soluzione per tale tratto di strada».

 

I commenti sono chiusi.