BVG Trail, si cambia: i percorsi 2020 saranno ad anello

ALTO GARDA - L'organizzazione ha comunicato che i percorsi di gara della settima edizione della BVG Trail perderanno la caratteristica "in linea" per diventare più semplicemente "ad anello", tutti con partenza ed arrivo a Bogliaco di Gargnano, in piazza del Porto Vecchio.

«Non torniamo – spiegano gli organizzatori – sulle ragioni che ci hanno indotto a questa dolorosa decisione e non entriamo nelle pieghe dei dettagli: possiamo solo ribadire che l’allestimento di due partenze, due arrivi, due luoghi diversi di consegna pettorali, strutture mobili, ospitalità atleti, trasporto atleti prima e dopo gara con autobus e navette per ore lungo la gardesana, tre discese oggettivamente molto pericolose malgrado le precauzioni messe in atto e la sempre ricorrente possibilità di un imprevisto inatteso a complicare ulteriormente le cose… Ebbene tutto questo richiedeva uno sforzo organizzativo, economico e consentitecelo, umano, non proseguibile.

Abbiamo scelto di semplificare l’ impianto di base, di rendere la manifestazione più semplice nella struttura di fondo operando in ottica più sostenibile sia da un punto di vista economico (cosa che andrà a vantaggio degli atleti) sia sotto il profilo ambientale. E consentitecelo, anche sotto il profilo umano.

Detto questo – continuano gli organizzatori – la gara si chiamerà ancora #bvgtrail proprio perchè i nuovi percorsi di gara, che stiamo definendo nei dettagli dopo i sopralluoghi di questi ultimi mesi, ricalcheranno al 70% quelli precedenti.

 

Potrà cambiare il senso di percorrenza ma i “gioielli di famiglia” resteranno tutti: Comer (a cui aggiungeremo il Denervo), Valle delle Cascate, Monte Bestone, Monte Castello, Forra di Campione, Senter dl Luf rimarranno quale “ossatura”; semplicemente a questi ne aggiungeremo altri, nel nostro stile: poco battuti, recuperati, magari anche aspri, ma una volta ripreso fiato da restare travolti dalla meraviglia, dai panorami grandiosi, indimenticabili, da custodire nella memoria che impone di tornare e poi ancora.

Anche noi siamo rimasti sorpresi dalla banale considerazione degli scorci e dell’immensità del lago nello sguardo verso Sud: nelle precedenti edizioni la vista sul lago e sul Baldo era sempre sul “fiordo” da Sud verso Nord, ora che lo sguardo può spaziare anche verso Sud si riesce a cogliere appieno la vastità del bacino lacustre e questo ha lasciato stupefatti noi per primi.

Saranno molte le novità quindi ma sempre nel segno della continuità, e non poteva essere altrimenti.
Pochi giorni e potremo presentare ufficialmente i nuovi percorsi di gara, illustrarveli nei dettagli perchè #bvgtrail sia sempre #traildifferent.

Ringraziamo – concludono gli organizzatori – sin da ora gli “eroi” che vorranno darci fiducia per l’ edizione 2020: non rimarrete delusi, ve lo possiamo assicurare».

 

I commenti sono chiusi.