Ultimo saluto sulle acque del “suo” lago per l’istruttore FVD Claudio Valle

DESENZANO - Ieri sera, lunedì 29 luglio, alla presenza della moglie Diamyla, dei figli Gaia e Federico, dei soci, consiglieri, atleti e istruttori della Fraglia Vela Desenzano, unitamente a una delegazione dei marinai d’Italia, e di tanti amici, si è svolta la cerimonia in ricordo dell’istruttore federale Claudio Valle, sulle acque del “suo” amato lago.

Dopo i saluti di commiato e la lettura della poesia “Conosco delle barche” di Jacques Brel da parte della figlia Gaia, le tante imbarcazioni messe a disposizione dal circolo hanno fatto rotta, in corteo, verso Moniga del Garda per raggiungere il luogo dell’incidente avvenuto la scorsa domenica 21 luglio (leggi qui), per deporvi una corona di fiori e salutarlo per l’ultima volta, sulle note del “Silenzio” suonato dalla tromba di Giancarlo Veronesi.

Ventuno imbarcazioni, due gommoni e 120 le persone che hanno ricordato Claudio in questo ultimo viaggio gettando ciascuno un fiore in quelle acque che lo hanno visto tante volte navigare.

 

La Fraglia ringrazia ancora sentitamente la Guardia Costiera e i Volontari del Garda per essersi prontamente attivati nel momento dell’allarme  prodigandosi con generosità nell’arduo compito di ricerca.

Claudio rimarrà per sempre nel cuore di chi l’ha conosciuto e la sua immensa passione per la vela continuerà a vivere nelle attività della Fraglia Vela Desenzano, nella scuola di vela, nelle iniziative per le persone con disabilità come la giornata Velabile e nelle regate dei soci che oggi lo hanno ricordato con commozione e sincero affetto.

 

Valle se ne era andato domenica 21 luglio, quando, durante la navigazione in un tratto del basso Garda tra Desenzano e Padenghe, è caduto in acqua. A bordo dell’imbarcazione, con l’istruttore, c’erano due allievi ipovedenti che sono stati tempestivamente soccorsi e riaccompagnati al porto Maratona.

Il corpo dell’istruttore è stato trovato dai Volontari del Garda tre giorni dopo, mercoledì 24, a 54 metri di profondità, a 780 metri dalla costa a sud del porto di Moniga, a circa 1,7 km dal luogo in cui era caduto in acqua.

Claudio Valle.

 

Claudio, 65 anni, viveva a Rezzato con la sua famiglia, uomo di grande esperienza, appassionato di
vela ed ex militare dell’Aeronautica in pensione, collaborava con la Fraglia Vela da parecchi anni,
occupandosi dei corsi di vela, con le scuole e i ragazzi durante l’estate, usciva in barca a vela con
disabili e ipovedenti, attività per la quale aveva seguito molti corsi della Federazione Italiana Vela.

Anche i suoi due figli, Gaia e Federico, sono velisti e istruttori di vela: la vela è di casa nella famiglia Valle, una passione forte che Claudio ha saputo trasmettere non solo ai figli ma anche a tanti giovani e persone con disabilità.

 

I commenti sono chiusi.