Un concorso di idee per la riqualificazione dei lungolaghi di Peschiera

PESCHIERA - Aaa... idee cercansi per riqualificare i lungolago Mazzini, Garibaldi e Lungomincio Bonomi. Al primo classificato un premio di 10mila euro. La scadenza è fissata per il 19 novembre 2019.

“Considerata la rilevanza sotto il profilo architettonico, ambientale ed urbanistico del Lungolago Mazzini, Garibaldi e Lungomincio Bonomi – spiega il sindaco Maria Orietta Gaiulli – l’Amministrazione Comunale ha deciso di applicare in via prioritaria la procedura del concorso di idee per un progetto di riqualificazione dei lungolaghi.

Tale procedura permette all’Amministrazione Comunale di acquisire una molteplicità di idee progettuali da utilizzarsi poi per l’affidamento delle successive fasi di progettazione e il concorso di idee è finalizzato all’ottenimento di proposte progettuali di sistemazione delle tre zone del territorio comunale, secondo questi obbiettivi”.

Per Lungolago Mazzini la proposta dovrà riguardare tutta la lunghezza del lungolago dalla rotatoria Salvo D’Acquisto fino al porto Cappuccini incluso e l’idea sarà di valorizzare il rapporto terra/acqua con la creazioni di punti di aggregazione con l’opportunità di espandersi verso il lago.

Peschiera, il lungolago Mazzini.

 

Per Lungolago Garibaldi la proposta dovrà riguardare tutta la lunghezza del lungolago dal Ponte della Marina fino allo scivolo riservato ai VVFF e valorizzare il tema del collegamento pedonale tra il centro storico cittadino e le spiagge della sponda est con anche una idonea integrazione tra i percorsi a terra e gli ormeggi del canale mercantile.

Peschiera, il lungolago Garibaldi.

 

Per il Lungomincio Bonomi la proposta dovrà riguardare tutta la lunghezza del lungomincio sponda sinistra dal ponte della Marina fino alla partenza della ciclabile del fiume Mincio con la creazione di un percorso ciclo-pedonale naturalistico e di un collegamento del centro lacustre con l’asta del Mincio.

Peschiera, il lungomincio Bonomi.

 

I progetti dovranno rispettare alcuni vincoli che sono elencati nel bando. Inoltre il progetto dovrà rispettare reali criteri di fattibilità, considerando la storicità della piazzaforte e l’importanza del territorio lacustre; dovrà essere messo in evidenza il forte legame degli spazi oggetto di concorso con l’acqua; non potrà prescindere da alcuni aspetti fondamentali da includere nella progettazione.

Una commissione giudicatrice composta da cinque membri esperti e due supplenti, nominata in aderenza a quanto previsto dall’art. 155 del Codice dei Contratti, garantirà la piena trasparenza delle procedure di valutazione, nonché il riconoscimento di un premio al primo classificato di € 10.000 ed un rimborso spese al secondo ed al terzo di € 1.000.

La scadenza è fissata per il 19 novembre 2019.

Il Bando è scaricabile dal sito ufficiale del Comune, a questo link.

 

I commenti sono chiusi.