Pesca un carpione e se ne vanta su Facebook, denunciato

LAGO DI GARDA – La foto del carpione (specie protetta) appena pescato era finita su Facebook. Ma non è passata inosservata. Il bracconiere è stato denunciato: la cattura di specie protette è reato. Il comunicato dell'Unione Pescatori Bresciani e del WWF Bergamo-Brescia.

La cattura incriminata, e il post sui social, risalgono a un mese fa. Ora ci sono sviluppi. Emerge che il pescatore in questione sarebbe stato denunciato.

Sulla questione intervengono anche, con comunicato congiunto, l’Associazione Unione Pescatori Bresciani e il WWF Bergamo-Brescia. Eccolo.

«Il Carpione (Salmo carpio), specie endemica che vive solo nel lago di Garda è ricchezza e patrimonio della biodiversità gardesana. Le sue carni pregiate erano già apprezzate dagli antichi Romani e nel 1464, con Decreto della Repubblica di Venezia, era considerato piatto d’onore nei banchetti ducali. La sua presenza nel lago si è sempre più ridotta e per questo motivo, nel 2006, è stata inserita nella Lista Rossa dello IUCN perché a forte rischio di estinzione.

Questa drastica diminuzione è anche dimostrata dalle quantità di pesce pescato nel corso degli anni, si passa dalle 227 tonnellate/anno degli anni ‘50 alle 0,4 tonnellate/anno del 2009. Il crollo della popolazione, che sta continuando anche ai giorni nostri, è dovuta a molteplici aspetti: l’eccessiva pressione di pesca ed in periodo di riproduzione, la perdita delle aree di frega, la modifica delle condizioni di temperatura e della concentrazione di ossigeno, gli scarichi fognari. Il divieto di pesca è attivo da anni nelle province di Brescia e Verona. E Trento? Dopo l’ultimo scandalo dell’anno scorso, che ha visto un Carpione femmina pescata in Trentino e postato sui social, ha finalmente vietato la pesca all’inizio del 2019 ma ancora oggi siamo costretti a vedere bracconieri gongolanti che impunemente sbandierano su Facebook la loro conquista più ambita.

U.P.BS Il post sulla pagina Facebook “Amo Torbole” in cui viene vantata la cattura del carpione.

 

Siamo costretti a vederlo, di nuovo – continuano WWF e U.P.BS – esibito come un comune trofeo di pesca, senza rispetto per nulla, né per l’ecosistema né per il patrimonio che esso rappresenta. Siamo disgustati nel vedere episodi del genere, essi sono la dimostrazione che la stupidità dell’essere umano è senza limiti.

Il signore che si è fatto fotografare con la sua “preda” non può essere annoverato nella categoria dei pescatori ma va considerato, semplicemente, un volgare bracconiere.

Chiediamo controlli più severi accompagnati da una seria politica comune tra le Regioni per la salvaguardia di tale specie e di tutte le altre specie autoctone del lago.

Ci aspettiamo che le Amministrazioni e la politica si prendano a cuore questa missione che potrebbe permettere al lago di Garda di diventare un’eccellenza non solo per la bellezza del paesaggio, ma anche la salubrità delle sue acque e per l’unicum della sua biodiversità.

Ci aspettiamo inoltre, dagli Enti preposti, un chiaro segnale che tali episodi non sono più tollerati.

Il Carpione, Re del lago, merita la massima attenzione e tutto il lavoro di salvaguardia deve tenere conto della sua presenza e della necessità di farlo sopravvivere alle nostre azioni. L’Associazione U.P.BS – Unione Pescatori Bresciani ed il WWF Bergamo-Brescia da anni si spendono per una collaborazione seria e condivisa che porta avanti progetti di tutela ambientale e conservazione delle popolazioni ittiche autoctone».

All’amo anche un povero carpione (il terzo pesce da sinistra), di cui è vietata la pesca.

 

Quanto all’autore della pesca proibita, un pescatore esperto, è difficile credere che non fosse al corrente dal divieto in vigore.

Il post incriminato potrebbe dunque essere un forma premeditata di protesta contro le restrizioni imposte dalla Provincia Autonoma di Trento nella parte di lago di sua competenza.

 

 

I commenti sono chiusi.