Territorio
0

Ciclabile Limone-Riva: ecco come sarà

Ciclabile Limone-Riva: ecco come sarà

LIMONE – C’è già chi l’ha definita “la ciclabile più bella d’Europa”. Parliamo del tratto che collegherà Capo Reamol con il confine trentino, appena iniziato. Vi mostriamo come sarà. 

Nei prossimi mesi sarà realizzato un ulteriore tassello della ciclabile del Garda, percorso ad anello che è il sogno di ogni cicloturista.

I lavori di realizzazione del nuovo tratto di ciclabile che collegherà la località Capo Reamol, a nord di Limone, con il confine trentino, completando l’attraversamento del territorio comunale limonese, sono partiti da qualche giorno con le opere di messa in sicurezza.

Per il sindaco di Limone Chicco Risatti «sarà la pista più spettacolare d’Europa». E a giudicare dai rendering del progetto predisposto dalla ATT di Salò (www.att-srl.it), società specializzata in opere pubbliche che ha progettato anche altri lotti della ciclabile gardesana, c’è da credergli.

Il nuovo tratto si dipanerà per quasi due chilometri con passaggi mozzafiato a sbalzo sul Garda. L’opera comporterà un investimento di 7,6 milioni di euro, finanziati dall’ex fondo per lo sviluppo dei Comuni di confine. L’obiettivo di Risatti è inaugurare questi 2 km, che si aggiungono ai 4 che vanno dalla zona sud del paese a Capo Reamol inaugurati nel maggio 2013 (1,2 milioni co-finanziati da Regione e Provincia), entro Pasqua. Vedremo.

Ecco come sarà la nuova ciclabile tra Capo Reamol, a Limone, e il confine con il Trentino. Sotto lo stato di fatto.

Ecco come sarà la nuova ciclabile tra Capo Reamol, a Limone, e il confine con il Trentino. Sotto lo stato di fatto.

tratto-limone-confine-tn-stato-di-fatto2

Intanto negli uffici della ATT è già stato definito anche il progetto del tratto che da Limone sud giungerà alla zona del bivio per Tremosine.

«Un progetto commissionato dalla Provincia, già appaltabile, che prevede un costo di circa 11 milioni che arriveranno sempre dal fondo per i comuni di confine», dice Giorgio Toffoletto, titolare di ATT assieme a Stefano Spadini e Massimo Ruffini (il team è completato dagli ingegneri Rossana Stagnoli, Paolo Ghizzi e Armando Merluzzi, con Luciana Dall’Ora che si occupa dei rendering progettuali).

«Questo tratto – spiega Toffoletto – prevede parti a sbalzo e parti nelle vecchie gallerie dismesse della Gardesana. Costi? Tremila euro al metro lineare, la metà dei quali per la messa in sicurezza: disgaggi, consolidamenti, paramassi».

Confronto stato di fatto-progetto di un tratto di pista che corre all'esterno di una galleria paramassi tra Tremosine e Limone.

Confronto stato di fatto-progetto di un tratto di pista che corre all’esterno di una galleria paramassi tra Tremosine e Limone.

Il rendering progettuale di un tratto della pista tra Tremosine e Limone.

Il rendering progettuale di un tratto della pista tra Tremosine e Limone.

È già progettato anche il tratto da Tremosine a Campione sud, poi, nell’ottica del grande sogno dell’anello ciclabile gardesano, si dovrà pensare al tratto Campione-Tignale («L’ho fatto a piedi centinaia di volte – dice Toffoletto – e abbiamo ben chiaro dove sono le difficoltà»), mentre il tratto Gargnano-Tignale dovrà passare, secondo i programmi, per la porzione di Gardesana che sarà soppianta dalla nuova galleria in fase di progettazione dall’Anas.

Intanto Limone arriva con la sua ciclabile al confine con il Trentino. Che è peraltro la condizione posta dalla Provincia autonoma per realizzare il tratto che da Riva porta al confine con Limone (c’è già il progetto esecutivo, manca il finanziamento, ma per i trentini non sarà difficile reperire le risorse). Poi Limone sarà realmente collegato ai circuiti europei per le due ruote.

Rendering di un tratto di pista tra Limone e il confine trentino. Sotto lo stato di fatto.

Rendering di un tratto di pista tra Limone e il confine trentino. Sotto lo stato di fatto.

tratto-limone-confine-tn-stato-di-fatto3

Ricordiamo che l’anello ciclabile del Garda è una delle proposte prioritarie che Mauro Parolini, assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia, ha inserito nel Programma Regionale della Mobilità e dei Trasporti, il documento approvato lo scorso settembre che individua obiettivi, strategie e azioni in materia di reti infrastrutturali e dei servizi.

Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • rss
  • mail

Scritto da: Simone Bottura