Sport
0

D’Annunzio Bike, domenica l’ottava edizione della gran fondo gardonese

D’Annunzio Bike, domenica l’ottava edizione della gran fondo gardonese

GARDONE RIVIERA – Domenica 8 ottobre si svolgerà nel borgo e nell’entroterra gardonese l’ottava edizione della “D’Annunzio Bike”, gran fondo di mountain bike.

Con un circuito di 38 km e un dislivello di circa 1500 metri, il percorso parte dal lungolago di Gardone Riviera, si inerpica poi sui monti dell’entroterra di san Michele, fino alla località “Pirel”, per poi concludersi tra le storiche mura della dimora di Gabriele d’Annunzio: il Vittoriale degli Italiani.

Tutti i migliori bikers si ritroveranno a Gardone Riviera per partecipare a questa corsa che è ormai una una classica di grande prestigio. Una corsa che porta la firma organizzativa del GS Odolese e dell’associazione “Gardone in bike”.

Anche quest’anno è prevista una vera e propria gara nella gara, la “Pirel col Krono”, la cronoscalata che caratterizzerà i 6 km di salita necessari per raggiungere la località Pirel.

É annullata, invece, la “D’Annunzio Run”, versione podistica dell’evento.

Ritrovo presso il lungolago di Gardone Riviera a partire dalle ore 7:30. Partenza alle 10.

La partenza della “D’Annunzio Bike” dal lungolago di Gardone Riviera.

Il percorso

Idealmente il tracciato può essere diviso in 6 parti per differenti caratteristiche tecniche.

La prima parte ha inizio dalla partenza sul lungolago di Gardone Riviera, Piazza Wimmer, Pensilina e poi semaforo gardesana. Con salita non impegnativa su asfalto ci dirigiamo verso il Municipio, si entra nel borgo di Gardone sopra, e dopo la piazza del Vittoriale, si imbocca la salita in acciottolato che da Montecucco porta a Tresnico, con pendenze tra il 12% e il 18%. Con altra ripida ma breve salita, punte del 25%, ci portiamo in via della Calma, dopo aver percorso i primi 5 chilomentri.

Il secondo tratto del percorso è un dolci saliscendi in località Val di Sur. Poco prima delle ex scuole elementari imbocchiamo a destra una piccola strada inizialmente asfaltata ma che quasi subito diviene sterrata, alla fine della quale giriamo a sinistra sull’asfalto per poi rientrare su un sentiero che ci porta nel centro di San Michele. Entriamo in un altro sentiero fino a Montesei, poi su strada asfaltata raggiungiamo il Conventino (Salò), in fondo al rettilineo giriamo a destra per la strada bianca e ripassiamo nel piccolo borgo del Conventino.

La terza parte è forse il momento più tecnico e da guidare. Si entra ne l bosco su fondo sterrato e a tratti roccioso, con brevi scalini naturali di roccia rossa da scavalcare di slancio. Ci dirigiamo poi verso la località Nizzola e con single track scorrevole ci portiamo in Selva. Brevi strappi con pendenze attorno al 20% alternati a lunghi single track pianeggianti portano oltre località Prà del Pero. Si attraversa il torrente e si prende la comoda strada bianca che con veloce e facile discesa ci conduce fino al Colomber, dopo aver percorso un totale di circa 18 chilometri.

La quarta parte del percorso mountain bike è la PIRELcolKRONO, cronoscalata ripida e costante, su sterrato immerso nel bosco, di circa 5 chilometri per un dislivello di 600 metri di sola salita fino al piazzale del Pirello, punto di massima elevazione della D’Annunzio Bike, a 1017 metri di quota.

La quinta parte è una lunga discesa sterrata di quasi 12 chilometri, inizialmente in single track. Poche centinaia di metri dopo il sentiero diviene più largo, attraversiamo località S.Urbano (Toscolano-Maderno), per poi scendere verso Vesegna. Passiamo attraverso i borghi di Bezzuglio e Fasano sopra, poi tramite la “rata”, breve e ripida discesa su pavè, raggiungiamo località Poffa e Villa Gemma.

Il tratto terminale della gara è un facile saliscendi di circa 2 chilometri che tramite stradine secondarie ci porta alla”acqua pazza” poco sotto il parco del Vittoriale. L’ultima breve salita asfaltata, la “Torricella” ci conduce all’arrivo trionfale nella piazza del Vittoriale a Gardone sopra.

Il percorso della “D’Annunzio Bike” 2017.

Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • rss
  • mail

Scritto da: redazione GardaPost